Vaccini Covid, Prisco a Speranza, perché no volontari Protezione Civile?

 
Chiama o scrivi in redazione


Vaccini Covid, Prisco a Speranza, perché no volontari Protezione Civile?

Vaccini Covid, Prisco a Speranza, perché no volontari Protezione Civile?

Uniformare tra le Regioni la disciplina dei vaccini ai volontari di Protezione civile. Lo chiede con una interrogazione Fratelli d’Italia al Ministeo Speranza.
Il 27 dicembre 2020 è partita in Italia la campagna di vaccinazione anti Covid-19 il cui obiettivo è quello di raggiungere al più presto l’immunità di gregge per il SARS-CoV2, ma ad oggi tempistica e priorità di vaccinazione per i volontari della Protezione Civile rimangono un’incognita nella maggior parte delle Regioni italiane con una difformità di trattamento da l’una all’altra.
Appare evidente invece la necessità di includere i volontari della Protezione Civile nelle priorità vaccinali al pari delle Forze dell’ordine e dei Vigili del Fuoco, trattandosi di persone che vengono impiegate in attività di prima linea: davanti alle scuole, negli aeroporti, nelle stazioni nonché per la consegna della spesa alle famiglie in isolamento e agli anziani in condizioni di fragilità.
Così il deputato di Fratelli d’Italia, Emanuele Prisco, che annuncia, sul punto, una interrogazione al Ministro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*