Tre frazioni nell’eugubino isolate, Mancini dà due bacchettate al sindaco Stirati

 
Chiama o scrivi in redazione


Tre frazioni nell’eugubino isolate, Mancini dà due bacchettate a Stirati
Valerio Mancini Lega

Tre frazioni nell’eugubino isolate, Mancini dà due bacchettate al sindaco Stirati

Tre frazioni nell’eugubino, Colonnata, Mengara e Valdichiascio risultano isolate a causa della mancanza di utenze, dai rifiuti al servizio idrico, e, già nel 2012, il Sindaco Stirati era stato portato a conoscenza delle problematiche che a causa di ciò ricadevano sul territorio. L’amministrazione comunale, pur consapevole delle condizioni critiche in cui verte la zona, non ha mai mostrato interesse nel voler accogliere le istanze dei cittadini.

© Protetto da Copyright DMCA

Elezioni regionali, civismo in movimento, Stirati, contro destra trazione leghistaIl sindaco Stirati – ha commentato il Capogruppo della Lega in Regione, Valerio Mancini – convochi quanto prima un tavolo tecnico complessivo con i rappresentanti di Auri, Umbra Acque, della Provincia ed eventualmente dei gestori della rete metano, al fine di arrivare presto alla progettazione per servire queste frazioni di adeguati servizi”.

Il paradosso – ha proseguito Mancini – è che queste tre comunità molto isolate in questi anni hanno trovato occasione di sviluppo e di ripopolamento a vantaggio della tutela del territorio, proprio perché in quelle frazioni il Cammino Francescano costituisce un’importante risorsa.
I consiglieri comunali eugubini della Lega, Stefano Pascolini, Angelo Baldinelli e Michele Carini, sono pronti nel migliore intento collaborativo a dare contributo costruttivo e voce ai cittadini che quotidianamente combattono questo disagio, e si impegneranno per far sì che gli enti competenti diano risposte a questi territori che da decenni ormai vertono in una situazione indegna.
Nel 2020 è incomprensibile che Comune, Provincia e Regione non siano in grado di produrre soluzioni immediate al fine di erogare i più elementari servizi per dare adeguate opportunità di sviluppo a queste comunità”.

La regione che verrà – ha chiosato il leghista – avrà il dovere di vigilare affinché i casi di queste tre frazioni e di molte altre che vertono nelle stesse condizioni, vengano al più presto risolti per ridare occasioni di sviluppo a tutti quei territori rurali che grazie al ripopolamento conservano l’ambiente, lo abbelliscono e lo preservano dal degrado e dall’abbandono. Stirati è forse troppo impegnato a districarsi nella bagarre che lo vede coinvolto per l’occupazione di una poltrona in Regione e sta trascurando non da oggi le necessità dei cittadini, ma i territori sono la ricchezza dell’Umbria e in quanto tale devono sempre essere la priorità per gli amministratori”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*