Tamburi, Psc, molto critico sulla applicazione fototrappole a Perugia

Tamburi, Realtà Popolare, un momento di solidarietà che non possiamo perdere.
Giampiero TAMBURI

Tamburi, Psc, molto critico sulla applicazione fototrappole a Perugia

da Giampiero Tamburi Perugia: Social City
Stamattina, alla Sala Rossa del Palazzo dei Priori, come ben illustrato dal comunicato (foto in allegato) il Comune di Perugia, tra gli altri, con la presenza del vice sindaco, nonché assessore all’ambiente avv. Urbano Barelli e il dirigente della Gesenu Vincenzo Piero, terrà una conferenza stampa per illustrare a che punto è arrivato, come è stato organizzato il corpo di vigilanza e, soprattutto, a quali risultati sono arrivati per le sanzioni comminate il base a ciò che le famose “fototrappole” hanno potuto rilevare con i loro occhioni da spie del vecchio KGB o, se preferite, con i più che famosi ed attenti “Commissari del Popolo” a cui non sfuggiva assolutamente nulla nell’Unione Sovietica di vecchio stampo!

“guardie ecologiche” e “sentinelle ambientali”

Si parla, infatti, di “guardie ecologiche”, di “sentinelle ambientali” a cui è demandato il compito di vigilanza e di sorveglianza a ciò che tutto funzioni bene e che i trasgressori vengano colpiti dai fulmini del Padre Giove, se non ligi alle aspettative della “Gendarmeria Comunale”.

Invece di insegnare al cittadini il modo di fare il proprio dovere, magari con incontri (veri e non per modo di dire) e confronti sul tema, Si è preferito adottare il modo di estrema repressione per i non corretti comportamenti,

Potrebbe andare anche bene, se tutti li accettassimo (ma non è così). Però, c’è da notare una cosa; a questo tipo di indirizzo repressivo manca uno strumento punitivo, di contenzione, di controllo, utilizzato prettamente durante il medioevo; LA GOGNA!

Ma, siccome i tempi non sono più quelli del medioevo, potrebbe anche verificarsi la probabilità che a rimetterci potrebbero essere più gli “Sbirri” che i perseguitati; visto che i “perseguitati” l’anno prossimo dovranno votare per il nuovo Sindaco e il nuovo consiglio!

Comunque, prima di sanzionare i cittadini per i loro comportamenti dovrebbero avere il buon senso di verificare che tipo di servizio hanno messo in opera! Si accorgerebbero che poi, i comportamenti scorretti degli utenti, molto spesso, sono conseguenza di una oggettiva necessità dovuta ad un sistema di raccolta differenziata che fa acqua da ogni parte.

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*