Scuola politica della Lega, alla seconda lezione Andrea Crippa

Alla lezione ha partecipato il segretario regionale della Lega, On. Virginio Caparvi

 
Chiama o scrivi in redazione


Scuola politica della Lega, alla seconda lezione Andrea Crippa

Scuola politica della Lega, alla seconda lezione Andrea Crippa

da Alessandra Valentini
Presente oggi al secondo incontro della scuola di formazione politica della Lega Umbria il vice segretario federale Andrea Crippa che ha parlato dei principi della militanza, descrivendo gli impegni e sacrifici del militante che con umiltà, coraggio, buonsenso e costanza svolge l’attività nel territorio tra la gente e per la gente. Tutto questo senza pretendere, mettendosi in secondo piano per portare avanti il programma di Matteo Salvini. La Lega premia la meritocrazia e non si entra con la speranza di una poltrona, il militante cresce facendo un percorso.

Andrea Crippa ha poi parlato di rivoluzione, quella che serve per mettere in atto il cambiamento per cui la Lega è stata votata aumentando esponenzialmente i consensi. “Veniamo eletti per fare la rivoluzione e per fare la rivoluzione bisogna rischiare in prima persona”, dice facendo l’esempio di Matteo Salvini che preferisce rischiare il processo per il caso Gregoretti piuttosto che stare zitto e non fare ciò che ha promesso in campagna elettorale, ciò per cui è stato votato.

“Ci sono momenti nella vita in cui o stai zitto e ti rendi complice di un sistema, o urli e ti fai sentire”, dice ancora citando Oriana Fallaci. Il vicesegretario è stato come solito accolto con molto entusiasmo dai militanti e sostenitori della Lega Umbria.

Alla lezione ha partecipato il segretario regionale della Lega, On. Virginio Caparvi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*