Politiche 2018 le sfide nomi nuovi e grandi esclusi Renzi, senato in Umbria

Marina Sereni è una delle grandi escluse insieme alla senatrice perugina Valeria Cardinali e infine è Gianluca Rossi.

Politiche 2018 le sfide nomi nuovi e grandi esclusi Renzi, senato in Umbria

Politiche 2018 le sfide nomi nuovi e grandi esclusi Renzi, senato in Umbria

ROMA – Mentre Fratelli d’Italia candida Antonio Guidi, capolista proporzionale al Senato. E’ attesa per i candidati definitivi di Forza Italia in Umbria. A decidere sarà Silvio Berlusconi, tutto dipende da lui. In lizza ci sono cinque candidati per tre posti Raffaele Nevi (consigliere regionale), Fiammetta Modena (ex consigliere di Palazzo Cesaroni), Pietro Laffranco (deputato uscente), Nicola Alemanno (sindaco di Norcia) e Catia Polidori (coordinatore regionale).

Nevi e Polidori si giocano un posto alla Camera 3 (Terni-Todi-Spoleto), Laffranco ha qualche chanches in più al Senato proporzionale. Bisognerà capire se Berlusconi vorrà puntare su un volto nuovo come quello di Alemanno e quanto peserà la quota rosa di Fiammetta Modena.

In campo PD a Perugia la sfida è tra Giacomo Leonelli (segretario umbro del Pd e consigliere regionale) ed Emanuele Prisco (assessore comunale all’Urbanistica). Gianpiero Bocci (sottosegretario agli Interni per 5 anni) sembra favorito su Augusto Marchetti, giovane vicesegretario della Lega. Più incerta la situazione a Terni, qui c’è un candidato nazionale come l’ex ministro del lavoro Cesare Damiano che Renzi ha catapultato nella Conca.

Stessa cosa è accaduta al Senato, dove il candidato è il viceprefetto Simonetta Mignozzetti. Dall’altra parte c’è Donatella Tesei, sindaco di Montefalco.  Infine il faccia a faccia tra due vecchi volti della politica umbra al Senato come Giampiero Giulietti (già sindaco di Umbertide e deputato uscente) e Franco Zaffini, ex consigliere regionale.

I quattro candidati al Senato nel listino proporzionale del Partito democratico sono il segretario nazionale Matteo Renzi, la senatrice uscente renziana, e già sindaco di Corciano, Nadia Ginetti. Al terzo posto è stato inserito il sindaco di San Gemini Leonardo Grimani (anch’egli renziano) e al quarto Simona Meloni, anche lei fedelissima dell’ex sindaco di Firenze e oggi vicesindaco di Piegaro.

Alla Camera dei Deputati invece (sempre nel listino proporzionale) in testa c’è Anna Ascani, deputata uscente di Città di Castello, e dietro di lei il veltroniano Walter Verini (anche lui tifernate). Terza è la perugina Emanuela Mori, consigliere comunale di Perugia al primo mandato e compagna del consigliere regionale Marco Vinicio Guasticchi. Quarto posto infine per Maurizio Terzino, sindaco di Fabro.

Marina Sereni è una delle grandi escluse insieme alla senatrice perugina Valeria Cardinali e Gianluca Rossi. E su questa esclusione avremo tanto da raccontare. Alla prossima!

La Nazione di oggi rivela alcuni particolari. Un dirigente umbro del Pd ha raccontato cos’è accaduto a Roma. Nessuno dei tre esclusi pare l’abbia presa bene e l’ex senatrice perugina annuncia una conferenza stampa per togliersi i sassolini dalle scarpe. La nazione riporta che a giocarle questo brutto scherzo potrebbe essere stata la presidente Catiuscia Marini. Un posto sicuro se lo è accaparrato anche la senatrice corcianese Nadia Ginetti. Nel partito raccontano che è bastata una telefonata di Brunello Cucinelli all’ex premier e i giochi erano fatti. Leonardo Grimani, il sindaco di San Gemini, si trova in terza posizione nel listino del Senato e se Renzi dovesse rinunciare al seggio umbro, sarebbe lui ad entrare a Palazzo Madama. Una sorpresa è Emanuela Mori, compagna del consigliere regionale Guasticchi.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
13 − 2 =