Perugia, Tari 2022, opposizioni attivano controllo per valutare aumento tariffe

Perugia, Tari 2022, opposizioni attivano controllo per valutare aumento tariffe

Ha preso il via in commissione controllo e garanzia del Comune di Perugia, l’iter di valutazione della Tari 2022 richiesto dall’opposizione. “Lunedì sono finalmente stati presentati alcuni dati concreti alla commissione: quello che emerge chiaramente è che in questo anno si è registrata una sostanziale invarianza delle tariffe, unitamente a una piccola diminuzione per le utenze delle unità abitative medio-grandi.  – afferma Francesco Zuccherini, che ha presentato l’atto in commissione –

Di contro, si nota invece che le unità immobiliari più piccole, con uno o due residenti, hanno registrato un aumento considerevole della tariffa, arrivato al 30% in più rispetto allo scorso anno. Il tentativo portato avanti dall’attuale amministrazione comunale di dare maggiore rilevanza al numero delle persone che compongono il nucleo familiare e di far pagare in base alla grandezza delle abitazioni, è fallito”.

“La realtà – prosegue il consigliere del PD – è che se si vuole rendere più equa una tariffa che per sua natura non lo è, bisogna impegnarsi per realizzare la tariffa puntuale, per far pagare di più a chi produce più rifiuti e realizza meno raccolta differenziata, e far pagare meno a chi invece produce un rifiuto differenziato di qualità.

Tutto questo non può che avvenire tramite una modifica profonda del servizio di raccolta dei rifiuti, puntando sul servizio porta a porta su tutto il territorio cittadino. Non sfugge a nessuno che ancora in larga parte della città, in particolare quella più densamente popolata, sia presente un servizio di raccolta obsoleto, che così organizzato non potrà mai permettere un passo avanti verso una cultura della raccolta dei rifiuti diffusa.

Dobbiamo puntare ad incrementare notevolmente i dati della raccolta differenziata – conclude Zuccherini – rispetto a quelli di oggi, cercando di premiare i cittadini più virtuosi con una tariffa più giusta ed equa”.

1 Commento

  1. A mio avviso il servizio della raccolta rifiuti non funziona bene e per dipiù il costo è elevato. Infatti, è frequente vedere i cassonetti strapieni dai quali traboccano rifiuti; evidentemente, la raccolta non viene fatta con i ritmi adeguati. E’ una situazione analoga allo stato delle strade. I bravi amministratori hanno come obiettivo l’efficienza dei servizi che va a vantaggio dei cittadini e anche degli stessi amministratori che possono farsi vanto di offrire servizi di buon livello. Si instaurerebbe così un circolo virtuoso, cioè ti amministro bene così poi mi voterai.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*