Governo Draghi, Renzi: “Sostegno a prescindere da nomi ministri”

 
Chiama o scrivi in redazione


Governo Draghi, Renzi: "Sostegno a prescindere da nomi ministri"

Governo Draghi, Renzi: “Sostegno a prescindere da nomi ministri”

(Adnkronos)

© Protetto da Copyright DMCA

Sostegno al governo Draghi a prescindere da tutto. È questa la linea di Italia Viva espressa da Matteo Renzi al termine delle consultazioni con il presidente incaricato. “Iv accoglie l’appello del Presidente della Repubblica e sosterrà il governo indipendentemente dal nome dei ministri, da quanti tecnici e politici” sarà composto, “siamo al fianco e a disposizione” di Draghi. “Auspichiamo – dice Renzi – che tutte le forze assumano lo stesso atteggiamento a sostegno” del governo Draghi, perché “l’appello del Presidente della Repubblica era rivolto a tutti. Chi oggi pone veti nei confronti di altri non solo commette un errore politico, ma sta rifiutando l’appello del Presidente della Repubblica – sottolinea – che ha escluso che il governo abbia una connotazione politica ma invitato tutte le forze a dare sostegno” all’esecutivo.

Governo, Salvini: “Ministri Lega? Non facciamo cose a metà”

E a chi vede nelle parole di Renzi legge una critica alle posizioni di Salvini e di Leu, il ‘Rottamatore’ ribadisce: “Italia viva sostiene il premier per il governo incaricato dal capo dello Stato. Io non giudico le decisioni degli altri, di Salvini e di Leu, ognuno risponde davanti a sé e al paese. Poi valuterà il premier incaricato. Noi – insiste – abbiamo detto di ascoltare l’appello del capo dello Stato”.

“Ringrazio chi in questi giorni difficili – aggiunge poi Renzi ringraziando le ex ministre Teresa Bellanova e Elena Bonetti e il sottosegretario Ivan Scalfarotto – ha avuto la forza di opporsi alla corrente mono direzionale che vedeva in Italia Viva la sola responsabile della crisi, grazie a chi ha sostenuto nuotando controcorrente la posizione di Italia Viva: questo valga in special modo per le giovani generazioni per i giovani amministratori e per chi crede nella res pubblica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*