Coronavirus, Luca Briziarelli, Lega, no a speculazione su dolore famiglie

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus, Luca Briziarelli, Lega, no a speculazione su dolore famiglie

Coronavirus, Luca Briziarelli, Lega, no a speculazione su dolore famiglie

“Nelle bacheche vicine ai reparti di ospedali in cui si curano i malati di Coronavirus e su internet si incontrano pubblicità che invitano a rivolgersi a società che si occupano di risarcimento danni per casi di malasanità, anche per Coronavirus. Il messaggio implicito è di fare causa ai medici che si sono occupati di pazienti purtroppo deceduti. È un messaggio offensivo e inaccettabile. In questa emergenza, medici, infermieri e volontari sono costretti a operare in prima linea, giorno e notte, in condizioni d’emergenza, senza preoccuparsi della fatica e del rischio di contagio, tutta la cittadinanza dovrebbe solo ringraziarli.

Il personale ospedaliero è già caricato di sufficienti responsabilità e preoccupazioni senza andare ad aggravare la situazione con la possibilità di incorrere in processi penali per questioni legate all’emergenza Coronavirus, soprattutto se si considera il pesante tributo pagato dagli operatori sanitari in questa tremenda guerra che secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità conta ad oggi 51 medici morti ed oltre 6400 operatori sanitari contagiati. Quelle pubblicità vanno rimosse e su di esse dovrebbe vigilare l’Ordine degli Avvocati per valutarne la correttezza jn termini deontologici. Il legittimo dolore delle famiglie che perdono i propri cari non deve diventare oggetto di speculazione. Allo stesso modo, pur non conoscendo i dettagli, desta preoccupazione la scelta di aprire fascicoli per omicidio colposo per vittime del coronavirus a carico di sanitari”.

Così Luca BRIZIARELLI, senatore umbro della Lega

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*