Commissione controllo e garanzia paralizzata, sospeso presidio di legalità

Commissione controllo e garanzia paralizzata, sospeso presidio di legalità

Commissione controllo e garanzia paralizzata, sospeso presidio di legalità. Una situazione incresciosa e paradossale che mina gli equilibri istitituzionali, impedendo lo svolgimento del ruolo di watchdog al di sopra delle parti della IV commissione. La commissione di controllo e garanzia, a distanza di un mese dall’insediamento, è infatti paralizzata dall’assenza di un segretario verbalizzante e di una stanza dedicata dove poter conservare la documentazione riservata.

La segreteria ha un’importanza fondamentale a tutela di ogni singolo amministratore e dipendente, nello svolgimento delle sedute e dell’elaborazione delle relazioni.

LEGGI ANCHE: Presidente Emanuela Mori, giù le mani da Controllo e Garanzia 

È infatti necessario che le verbalizzazioni vengano effettuate riportando quanto più fedelmente le dichiarazioni degli auditi, senza sintesi o interpretazioni di sorta che possano distorcere le loro dichiarazioni e la narrazione dei fatti. È di dominio pubblico che nel passato recente e meno recente le relazioni, gli atti e la documentazione acquisita dalla commissione siano state oggetto di indagine da parte dell’autorità giudiziaria.

Ho richiesto oggi la convocazione di due sedute agli affari generali per i giorni dell’11 e del 13 settembre, pienamente consapevole che questo costituisce una forzatura in una situazione simile. Ritengo però inaccettabile tacere di fronte a questa paralisi, frutto di sciatteria amministrativa o di una volontà ostruzionistica, e sono pronto ad azioni forti e gesti eclatanti per garantire il rispetto delle istituzioni di cui sono rappresentante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*