Carla Spagnoli attacca sulla questione morale legata alla sanità

Carla Spagnoli attacca sulla questione morale legata alla sanità

Carla Spagnoli attacca sulla questione morale legata alla sanità

Fino a quando, oh Marini e “compagni” piddini, abuserete della nostra pazienza? Fino a quando pensate di prendervi gioco degli umbri e farvi beffe della loro indignazione? La notizia del ritorno di Walter Orlandi alla Direzione Regionale della Sanità e Welfare, dopo una diffida inviata alla Regione dall’Avvocato dello stesso Orlandi, rappresenta un vero “schiaffo” alla richiesta di giustizia degli umbri! Dopo un’inchiesta del genere, che ha aperto il “vaso di Pandora” su un sistema di potere di sinistra collaudato che ha gestito la sanità umbra come fosse “cosa loro”, in barba a qualsiasi principio di indipendenza e meritocrazia, com’è possibile rimettere al proprio posto Walter Orlandi? Non un Medico qualsiasi, ma una persona indagata in un’inchiesta che ha provocato un vero e proprio “terremoto” politico  in Umbria e ha “decapitato” vertici e figure di spicco del PD regionale.

Tutto questo sembra non sfiorare Orlandi, che si permette persino “il lusso” di diffidare la Regione e far sospendere la rotazione dei Dirigenti per riprendersi la Direzione Regionale della Sanità!!! Direttore Orlandi, inutile girarci intorno: sappiamo benissimo che in 15 anni Lei è stato prima all’Azienda Asl 2 del perugino, poi alla Direzione dell’Azienda Ospedaliera di Perugia e, infine, alla Direzione Regionale della Sanità…

In pratica, negli anni Orlandi ha rivestito tutti i ruoli apicali nella sanità umbra, caso più unico che raro… Direttore Orlandi, Lei non sapeva nulla di quello che succedeva nel mondo della sanità in Umbria? Con quale ardore pretende, e ottiene dai suoi “compagni”, il ritorno alla Direzione Regionale della Sanità? Caso curioso la Presidente Marini, un attimo prima di presentare le dimissioni, pensò bene di attuare la rotazione dei Dirigenti e portare Orlandi alla Direzione della «Programmazione Affari Internazionali ed Europei»…

A proposito, il PD regionale e il nuovo Commissario Verini non hanno nulla da dire in merito? Questa è la pulizia e il nuovo corso annunciato dalla maggioranza e da tutto il partito? A che punto sono i controlli e la vigilanza su tutto il sistema sanitario? Il sistema sanitario denunciato era vigente solo a Perugia…?

L’unico che ha avuto il coraggio di alzare la voce contro il ritorno di Orlandi alla sanità è stato il Consigliere Regionale Sergio De Vincenzi, che ha denunciato «un governo regionale depotenziato e decapitato che non ha nemmeno il potere decisionale sulla rotazione dei propri Direttori» e ha chiesto «se e quando la Marini lascerà effettivamente la Presidenza». Un plauso al Consigliere De Vincenzi, ma dove sono gli altri esponenti dell’Opposizione?

Nessuno ha niente da dire in merito a questa vicenda? Possibile che solo De Vincenzi si sia accorto di questa “farsa”? Ci auguriamo, oggi più che mai, che l’intera opposizione si compatti, metta da parte ogni calcolo politico ed elettorale e faccia muro contro questa maggioranza ormai alla deriva, che “tiene in ostaggio” la Regione, paralizzandone i lavori, e che sta cercando disperatamente di fingere di cambiare tutto per non cambiare nulla… Stavolta, però, sarà difficile, molto difficile, convincere gli umbri di questo ennesimo “Gattopardo”: il cambiamento in Umbria è già iniziato e non saranno i “parrucconi” al potere a fermarlo!!!

 

Carla Spagnoli

Presidente Movimento per Perugia

Commenta per primo

Rispondi