Bori su aumento casi Covid, Presidente Tesei non neghi l’emergenza

Bori PD risponde a Coletto su sanità, medici ed infermieri

Bori su aumento casi Covid, Presidente Tesei non neghi l’emergenza

“La Giunta Tesei si riconferma fuori dalla realtà, non si assume alcun tipo di responsabilità e, anzi, mantiene un atteggiamento surreale di fronte all’emergenza in cui sta facendo ripiombare l’Umbria”. Così Tommaso Bori (PD – vice-presidente della commissione Sanità) in relazione “alla conferenza stampa di ieri, all’ordinanza ‘acqua fresca’ della presidente Tesei e ai nuovi dati preoccupanti sull’Umbria. La Fondazione GIMBE certifica un aumento dell’86 per cento, quasi mille nuovi positivi in 24 ore, il dato più alto di tutta Italia e il dilagare della variante omicron, largamente sottovalutata dalla Giunta Tesei”.


Fonte: ACS Umbria


“Piuttosto che convocare i giornalisti per annunciare il raddoppio dei tracciatori, dei punti tampone e degli hub vaccinali, oppure per il potenziamento dei servizi e le assunzioni in sanità, tutte azioni in forte ritardo e ormai indispensabili – spiega Bori – la presidente Tesei e la sua Giunta si sono cimentati in una esibizione da primi della classe, dimenticando che gli umbri conoscono la verità. I casi aumentano in maniera esponenziale, il tracciamento è di nuovo in tilt soprattutto per mancanza di personale che è appena stato dimezzato dalla Giunta, gli umbri sono costretti ad estenuanti attese per essere contattati e poi sottoporsi al tampone. Non ci sono abbastanza postazioni drive through e gli hub vaccinali appaiono insufficienti per imprimere alla campagna vaccinale quell’accelerazione necessaria.

Però la Giunta Tesei ha trovato il tempo, ma soprattutto il coraggio, di dire che va tutto bene”. “Come se non bastasse l’ordinanza firmata ieri – prosegue Bori – scarica tutte le decisioni sui Sindaci, rimpallando qualsiasi scelta. Sarebbe ora che la presidente Tesei e la sua Giunta iniziassero a governare la pandemia e a prendere scelte forti, senza dover chiedere aiuto prima al Governo, come nel caso dei medici che avrebbero potuto assumere, e ora agli amministratori locali oppure, ancora peggio, direttamente ai cittadini, ai quali si ‘raccomanda’ il tampone prima delle occasioni di incontro. Servono scelte, decisioni e azioni concrete e tempestive – conclude – per non abbassare la guardia, di fronte ad una nuova ondata e alla variante Omicron, largamente diffusa e ampiamente sottovalutata. Gli umbri meritano di meglio”.

1 Commento

  1. poi sta brutto classificare questo tizio come cr@@@no?? Personalmente mi sono rotto abbondantemente i coj@@i di questi personaggi antiscientifici che sono alla base ed anche al vertice della deriva anticostituzionale in atto nel nostro sgangherato paese. E dire che si provessa medico. Medico de sto….

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*