Picco del caldo temperature anche di 40 gradi, ecco le regioni più a rischio

 
Chiama o scrivi in redazione


Picco del caldo temperature anche di 40 gradi, ecco le regioni più a rischio

Picco del caldo temperature anche di 40 gradi, ecco le regioni più a rischio

Una nuova ondata di caldo di matrice africana raggiunge l’Italia come anche la Spagna e la Francia dove le temperature raggiungono la soglia dei 40 gradi durante le ore centrali della giornata. Dopo le temperature record del mese di Giugno passato alla storia come il mese più caldo degli ultimi decenni in mezza Europa con valori oltre i 40 gradi in diverse città del vecchio continente, ecco di nuovo l’Anticiclone Africano dominante sul Mediterraneo e con esso condizioni meteo secche e il caldo insopportabile in città. Registrati 39 gradi a Firenze nella giornata di ieri e il grosso dell’ondata di caldo deve ancora arrivare.

TRA OGGI E DOMANI PROBABILI SUPERAMENTI DELLA SOGLIA DEI 40 GRADI.

© Protetto da Copyright DMCA

Sull’ Italia si prevede ancora sole rovente da nord a sud, condizioni meteo stabili e temperature in ulteriore aumento tra oggi e domani con valori oltre la media di riferimento anche di 6-8 gradi. Si tratterà di una forte ondata di caldo africano, anche se probabilmente non così estrema come quella di fine Giugno, ma in grado di portare le temperature alla soglia dei 40 gradi specie in Toscana, Umbria, Emilia Romagna e Lazio.

SITUAZIONE METEO A GRANDE SCALA.

Vasto e robusto anticiclone africano che si estende su buona parte di Mediterraneo ed Europa centro-occidentale arrivando a lambire la Penisola Scandinava. Valori di pressione al suolo intorno a 1015 hPa e temperature molto elevate insistono su molti Paesi del vecchio continente. In Atlantico è invece presente una vasta e profonda circolazione depressionaria con un minimo al suolo intorno a 990 hPa ad ovest dell’Irlanda e che si allunga verso sud quasi fino alle Isole Azzorre. Aria più fresca in quota anche tra Europa orientale e Turchia dove porta tempo instabile con temporali specie nelle ore pomeridiane.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*