Gelo e neve in Europa prossima settimana, Italia lambita da irruzione artica 🔴

 
Chiama o scrivi in redazione


Gelo e neve in Europa prossima settimana, Italia lambita da irruzione artica

Importanti conferme giungono stamani dalle ultimissime uscite dei principali modelli meteo con una colata artica in espansione su gran parte dell’europa durante la prossima settimana. Italia al momento solo lambita dall’irruzione artica con clima piuttosto caldo al sud grazie alla risalita delle correnti meridionali dal nord-Africa, più fresco e gradevole invece al nord. E intanto il nostro Paese si trova a metà strada tra l’Anticiclone africano sul bacino del Mediterraneo occidentale e le correnti instabili e fresche giunte sulla penisola Balcanica direttamente dal nord Europa.



…intanto clima ideale in Italia per ogni attività all’aperto

L’anticiclone di natura nord-africana ora presente sul Mediterraneo non avrà una fissa dimora e al nord Italia tornerà il maltempo con temporali localmente anche di forte intensità. Questo a cavallo tra la giornata di Domenica e quella di Lunedì 11 Maggio quando le correnti atlantiche si abbasseranno di latitudine sull’Europa interessando prima la penisola iberica poi anche l’Italia. Nel frattempo avremo giornate piuttosto stabili e dal clima gradevole, solo per oggi qualche nube di troppo in transito su tutte le regioni e locali piogge o acquazzoni confinati per lo più sulle regioni adriatiche e sulle Alpi.

Vortice Polare stratosferico

Proprio in questi giorni il Vortice Polare Stratosferico tenderà a sgretolarsi in più parti e sia sull’America settentrionale che in Europa assisteremo ad un sensibile cambiamento meteo. Le gran quantità di aria freddo polare tenderanno a emigrare verso le latitudini inferiori, già dal prossimo weekend assisteremo ad un sensibile calo delle temperature specie tra Canada e Stati Uniti orientali oltre a Scandinavia, Regno Unito e Germania. Qui potrebbe arrivare un vero e proprio colpo di coda dell’inverno, previste temperature di Geopotenziale fino a –35°c a 500 hPa e -10°c a 850 hPa.

Imminente Split del Vortice Polare, conseguenze inevitabili anche in Europa

Il Vortice Polare stratosferico nel corso dell’Inverno è risultato costantemente compatto con il flusso zonale teso e in grado di generare nevicate record in Islanda nonché una ripresa dell’estensione del Ghiaccio Marino Artico. Qualche cedimento del Vortice Polare nel finale dell’Inverno e neve fino in pianura su diverse regioni centrali e meridionali dell’Italia. I modelli a grande scala confermano un definitivo e decisivo split del Vortice Polare con importanti imprevisti primaverili in gran parte dell’Europa. Molto probabilmente le correnti Polari difficilmente riusciranno a valicare le Alpi. Sicuramente le regioni settentrionali ne risentiranno con un calo delle temperature, mentre al sud potrebbe procedere il caldo estivo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*