Porzi, serve piano regionale per le Rsa contro contagio covid 

Consigliera regionale Pd sollecita interventi alla Giunta 

 
Chiama o scrivi in redazione


Sanità, Porzi (PD): bilancio 2021 per l'Umbria prevede 30 milioni di euro

Porzi, serve piano regionale per le Rsa contro contagio covid

“Serve un piano regionale per le residenze sanitarie assistenziali per anziani (Rsa), una delle categorie più esposte a questa seconda ondata di pandemia da coronavirus”: a chiederlo è la consigliera regionale del Partito democratico, Donatella Porzi, che ha presentato una mozione a riguardo, “per sollecitare interventi che risultano necessari e urgenti al fine di prevenire e controllare le infezioni in tali gruppi di popolazione, evitando che in queste strutture il virus circoli in maniera massiva”.

Nello specifico, la mozione della consigliera Porzi prevede “test per monitorare settimanalmente gli operatori sociosanitari in servizio e il personale addetto ai servizi generali; la possibilità di testare settimanalmente anche gli ospiti”. “Si prevede – aggiunge – la disponibilità certa di strutture di supporto per trattare gli anziani positivi, nel caso in cui la Rsa non abbia sufficienti spazi separati, adeguati e disponibili. Occorre anche mettere a disposizione, senza formalità burocratiche, medici specialisti da parte degli ospedali per consulenze e supporto al personale medico delle Rsa e, soprattutto, il versamento entro la fine del mese dei contributi previsti nel budget 2020 e non ancora versati per i posti letto rimasti vuoti a causa della pandemia.

A coordinare il tutto servirà una cabina di regia regionale, con la partecipazione di specialisti e gestori, per monitorare le misure di gestione e contenimento del Covid19 nelle Rsa. La Regione Umbria deve impedire che la progressione della pandemia e l” imminente applicazione di nuove misure di contenimento determinino ulteriori pericoli a cittadini anziani, in condizioni di disabilità o portatori di patologie croniche presenti nelle Rsa. Non possiamo permetterci di lasciare indietro nessuno”. (ANSA).

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*