Ministro Boccia a Perugia, fase 3, stato emergenza non limita libertà

 
Chiama o scrivi in redazione


Ministro Boccia a Perugia, fase 3, stato emergenza non limita libertà

Prima visita ufficiale da parte di un esponente del Governo alla Regione Umbria, guidata dalla presidente Donatella Tesei. Il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, è arrivato stamani a Perugia dove è stato accolto a Palazzo Donini dalla Presidente Tesei con la quale si è intrattenuto per un colloquio privato, dopo aver visitato il piano nobile del Palazzo.

“Quando si parla di salute, scuola e ambiente il punto di vista di chi è sul territorio è fondamentale”. Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, durante l’incontro di stamani con la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei e la stampa.

Per Boccia, appena sarà terminato il negoziato europeo, “così come è stato utile il confronto costante con le Regioni durante l’emergenza sanitaria allo stesso modo sarà utile chiedere alle stesse Regioni quello che pensano a riguardo”.

Il progetto quando sarà definito, andrà sottoposto al voto del Parlamento ma per Boccia “avrà senso avere un giudizio di chi è in trincea come i sindaci e i presidenti delle Regioni”.

E poi ha precisato un’altra cosa: “L’estensione dello stato d’emergenza a seguito del Covid-19 non limita la libertà individuale delle persone ma consente di avere maggiore protezione da parte dello Stato. Non pensavo di doverlo ribadire. L’emergenza significa anche consentire a Regioni e sanità di avere attenzioni e risorse”.

Tra i temi al centro dell’incontro  i trasporti, con le riconosciute priorità da parte del Governo per nodo di Perugia, collegamento ferroviario Terni – Roma, raddoppio della Orte – Terni e collegamenti viari interni ed esterni alla regione, la partita della ricostruzione nella zona del cratere e l’emergenza sanitaria.

 Sia il Ministro che la Presidente hanno sottolineato il clima di collaborazione avuto nel periodo del culmine dell’emergenza e la necessità di continuare una fattiva collaborazione per l’ottenimento del bene comune.

 A seguire il Ministro ha incontrato gli assessori regionali, l’ufficio di presidenza dell’Assemblea legislativa dell’Umbria ed i capigruppo di maggioranza ed opposizione.



 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*