Idee Persone Perugia, bilancio su trasporto, verde e lavori pubblici

Idee Persone Perugia, bilancio su trasporto, verde e lavori pubblici. “Non ci riteniamo appagati" spiegano Fabrizio Croce e Lucia Maddoli

Idee Persone Perugia, bilancio su trasporto, verde e lavori pubblici

Non ci riteniamo appagati – spiegano Fabrizio Croce e Lucia Maddoli – spesso usciamo anche frustrati da dibattiti “muro contro muro”, ma è il ruolo che ci compete e continueremo a farlo con serietà e dedizione per i due anni che abbiamo ancora davanti”.

Con la recente votazione sulla partita dei “Debiti fuori bilancio” del Comune di Perugia si chiude il terzo anno di questa Consiliatura, con un’elezione politica nazionale alle porte e nel mezzo di una difficile congiuntura sotto il profilo socio-economico, acuita dalla coda lunga del Covid e dalla guerra in Ucraina dagli esiti e dalle relative conseguenze su tutta l’area continentale europea ancora molto incerti. 

Il gruppo consiliare di Idee Persone Perugia ha fatto la sua parte con costanza e perseveranza, spesso e volentieri in sinergia con gli altri gruppi seduti tra i banchi dell’opposizione, cercando di svolgere un ruolo di altoparlante per alcune istanze arrivate direttamente dalla popolazione e di monitoraggio sull’operato dell’amministrazione in tutte le sue sedi.

Ma solo nell’ultimo anno abbiamo portato all’attenzione pubblica questioni su cui, dopo un dibattito costruttivo, ci è stata data piena ragione, come ad esempio la necessità di una riorganizzazione del Trasporto Pubblico Locale (guarda caso il Bus Navetta da e per l’Aeroporto di Sant’Egidio è stato istituito anche in seguito alle nostre pressioni), le misure di sostegno e promozione dello Sport dilettantistico, l’accelerazione dei lavori per il completamento dei nuovi uffici comunali di Monteluce così da abbandonare quelli attualmente in uso in condizioni di degrado non più accettabili, i chiarimenti sulla occupazione “militare” non autorizzata del Parco cittadino di Lacugnano (oggi pienamente restituito alla fruizione dei cittadini anche grazie alla nostra segnalazione), la definizione di un nuovo quadro regolamentare e di una nuova dimensione partecipativa nella cura del Verde Pubblico.

Non ci riteniamo appagati – spiegano Fabrizio Croce e Lucia Maddoli di Idee Persone Perugia – spesso usciamo anche frustrati da dibattiti “muro contro muro”, ma è il ruolo che ci compete e continueremo a farlo con serietà e dedizione per i due anni che abbiamo ancora davanti”.

Gli ultimi interventi

Nel Question Time periodico ospitato nell’ultima seduta del Consiglio Comunale, ad esempio, abbiamo portato all’attenzione generale quattro temi di pubblico interesse. In prima battuta abbiamo interrogato direttamente il Sindaco sui motivi che lo hanno spinto a non concedere il Patrocinio al Pride dello scorso giugno, peraltro temporeggiando sulla decisione fino all’ultimo momento possibile, con un atteggiamento che ha di fatto mortificato le migliaia di concittadini che ritenevano giusto e meritorio di marciare in modo anche festoso, come ogni anno, per rivendicare la salvaguardia dei diritti civili e l’inclusione e contestare ogni forma di discriminazione di genere.

La risposta, avvenuta nella forma di un laconico comunicato letto da una terza persona e circostanziato come una conseguenza del mancato chiarimento con gli organizzatori seguito ad una scelta di immagine fatta e rivendicata nel 2017 in occasione della stessa iniziativa, è parsa oltre che pretestuosa anche discutibile nella formadistaccata e respingente di una dichiarazione che non ammette repliche.

In secondo luogo abbiamo riproposto nella forma di una richiesta di aggiornamento il tema da noi già sollevato in tempi non sospetti, facendo da garanti ad una Petizione di iniziativa popolare, prima, e, successivamente, presentando un Ordine del Giorno circostanziato, degli strumenti di precauzione e prevenzione adottati dal Comune in ordine ai processi di “transizione digitale” in atto anche a Perugia. 

Si parla di limitazione e monitoraggio delle tante fonti di irradiazione di campi elettromagnetici che stanno invadendo il territorio comunale in forma di antenne, ripetitori, centraline (basta affacciarsi dalla nuova splendida vetrata che dalla Galleria Nazionale si affaccia su Corso Vannucci per vedere la situazione attuale solo nel centro storico) e l’attenzione, anche per bocca delle autorità tecnico-sanitarie deve rimanere alta.

Infine abbiamo parlato, come già in molte occasioni, di consolidamento di costoni franosi e realizzazione di opere pubbliche (nello specifico un parcheggio nell’area di Monteripido) da tempo reclamati a gran voce.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*