Uil trasporti Umbria, impegno costante per risanamento linea Fcu

Stefano Cecchetti, Segretario Generale Uil Trasporti, difende l'impegno sindacale

Uil trasporti Umbria, impegno costante per risanamento linea Fcu

Uil trasporti Umbria, impegno costante per risanamento linea Fcu

Uil trasporti Umbria – Oggi 12 febbraio 2024, Stefano Cecchetti, Segretario Generale Uil Trasporti Umbria, ha risposto alle critiche mosse dall’Usb riguardo all’adesione dei sindacati all’inaugurazione dei lavori della Fcu. Cecchetti ha dichiarato che la sua organizzazione sindacale è impegnata in modo serio e responsabile nel migliorare le condizioni dei lavoratori e firmare accordi che ne incrementino il benessere.

Cecchetti ha precisato che la linea Fcu Perugia – Terni ha subito gravi danni a causa della mancanza di manutenzione, trasformandosi da un servizio fondamentale per studenti, pendolari e turisti in un vero e proprio disastro. Uil Trasporti ha espresso critiche nei confronti di coloro che sono responsabili di questa situazione catastrofica, sottolineando la necessità di intervenire e risanare la situazione. Tuttavia, Cecchetti ha dichiarato che il sindacato non resterà in silenzio di fronte a eventuali ritardi o nuove problematiche durante il processo di risanamento.

Rispondendo alle accuse di subalternità politica, Cecchetti ha difeso l’Uil Trasporti, affermando che sono critici nei confronti di chiunque, indipendentemente dall’appartenenza politica, quando si tratta di difendere i diritti dei lavoratori. Ha poi evidenziato l’importanza degli accordi sindacali e ha criticato l’Usb per focalizzarsi esclusivamente sulla protesta anziché sulla firma di accordi concreti.

Cecchetti ha sottolineato che l’Uil Trasporti ha una lunga storia di lotta per i diritti dei lavoratori, firmando accordi che migliorano effettivamente le condizioni di lavoro. Ha concluso sottolineando la responsabilità del sindacato nel prendere decisioni pragmatiche per il bene dei lavoratori, distanziandosi dalle critiche prive di proposte costruttive e dalla subalternità politica che, a suo avviso, non porta a miglioramenti tangibili.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*