Giunta comunale, Umbria Tpl e mobilità verso agenzia unica

 
Chiama o scrivi in redazione


Giunta comunale, Umbria Tpl e mobilità verso agenzia unica

Giunta comunale, Umbria Tpl e mobilità verso agenzia unica

Umbria Tpl e Mobilità Spa compie un ulteriore passo in avanti in direzione della definitiva trasformazione in Agenzia unica per la mobilità ed il trasporto pubblico.

Dopo le modifiche statutarie, intervenute durante la seduta dell’assemblea dei soci del 2 agosto 2019 e, soprattutto, dopo l’esito positivo dell’interpello all’agenzia delle entrate sul regime iva delle somme destinate all’agenzia unica, nella giornata di ieri la giunta comunale, su proposta dell’assessore Cristina Bertinelli, ha approvato la delibera che prevede, in sostanza, l’approvazione dello schema di patti parasociali da stipulare tra i soci di Umbria Tpl e Mobilità Spa. Si tratta, come previsto dal d.lgs. 175 del 2016, dello strumento di regolazione dei rapporti tra i soci idoneo anche ad integrare i requisiti del controllo analogo congiunto.

I patti disciplinano nel dettaglio il funzionamento del comitato di coordinamento, da costituire tra i soci con l’intento di operare congiuntamente nell’esercizio dei rispettivi poteri di indirizzo e controllo e, conseguentemente, per l’assunzione di concordi determinazioni di voto da esprimere all’interno dell’assemblea dei soci di Umbria tpl.

Ciò ogniqualvolta si tratti di materie direttamente attinenti al trasporto pubblico regionale e locale.

  • Fulcro dei patti, come accennato, è la costituzione del comitato di coordinamento (art. 5) che rappresenta la sede di informazione, controllo preventivo, consultazione, valutazione e verifica da parte dei soci sulla gestione e amministrazione della società.
  • Al comitato spetta la disamina preventiva degli ordini del giorno e delle deliberazioni di competenza dell’Assemblea dei Soci. Può esprimere pareri preventivi in merito agli argomenti iscritti all’ordine del giorno e formulare proposte di modifica o integrazione.
  • Le determinazioni basilari (bilancio, piani industriali, ecc.), sottoposte all’esame dell’assemblea, richiedono il parere obbligatorio del comitato.
  • Il comitato, infine, nell’ambito dei poteri di controllo, verifica lo stato di attuazione degli obiettivi risultanti dai bilanci e dai piani strategici, economici, patrimoniali e finanziari di breve e di lungo periodo della Società.
  • Il comitato propone programmi e iniziative comuni per lo sviluppo della società, orientamenti comuni da assumere in assemblea, gli indirizzi e degli obiettivi dell’azione societaria da assumere in Assemblea. Le decisioni assunte nel comitato sono vincolanti per le parti.

“Il processo finalizzato alla definitiva trasformazione di Umbria Tpl e Mobilità in agenzia unica – sottolinea l’assessore Cristina Bertinelli – compie oggi un ulteriore significativo passo in avanti, tramite l’approvazione dei patti tra soci che, nell’ambito della funzione di controllo loro riservata, consentiranno agli stessi di potersi coordinare al meglio in vista delle determinazioni da assumere all’interno dell’assemblea dei soci. Uno strumento snello e funzionale, dunque,  che dovrà diventare luogo del dibattito e del confronto sui temi della mobilità pubblica”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*