Frecciarossa Perugia Milano, Bianconi: “Serve un nuovo approccio condiviso”

 
Chiama o scrivi in redazione


Frecciarossa anche a Terontola, se n'è parlato stamani in Regione

Frecciarossa Perugia Milano, Bianconi: “Serve un nuovo approccio condiviso”

“Non voglio entrare nel battibecco politico sulla presunta soppressione del Frecciarossa Perugia-Milano. Tale servizio rappresenta un’importante opportunità per la nostra regione, ma ritengo riduttivo guardare il ‘dito’ e non la ‘luna’”: il consigliere regionale Vincenzo Bianconi (gruppo misto) interviene sulla discussione innescata dall’assessore regionale ai Trasporti in merito al servizio di alta velocità ferroviaria che connette il capoluogo dell’Umbria con Milano.

L’intero sistema dei trasporti deve essere ripensato

Credo che l’intero sistema dei trasporti – afferma Bianconi – vada ripensato, partendo dalle reali esigenze di tutti i territori umbri, in considerazione delle loro specificità, non del peso demografico o politico delle diverse città. Abbiamo bisogno del contributo e dell’impegno di tutti, coinvolgendo le migliori professionalità, pubbliche e private. Da un lato è imprescindibile un approccio realistico rispetto alle risorse limitate. Dall’altro tuttavia dovremmo pretendere di più in termini qualitativi e quantitativi rispetto ai servizi che la Regione paga alle imprese di trasporto. Non possiamo accettare che l’Umbria sia trascurata soltanto a causa delle sue piccole dimensioni demografiche”.

Nuove soluzioni per superare l’isolamento

Se vogliamo veramente liberare lo straordinario potenziale dell’Umbria – prosegue Bianconi – noi stessi dobbiamo iniziare subito a lavorare a nuove soluzioni per superare l’isolamento. Dobbiamo ragionare con le esigenze di oggi e di domani, non con modelli di 50 anni fa. Guardiamo con umiltà a chi fa meglio di noi, in Italia e nel Mondo, per poi adattare quei modelli virtuosi alle esigenze dei nostri territori. Soltanto così – conclude – l’Umbria potrà liberare il suo straordinario potenziale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*