Colf e badanti: Cgil, servono luoghi per consentire quarantena a chi rientra

 
Chiama o scrivi in redazione


Colf e badanti: Cgil, servono luoghi per consentire quarantena a chi rientra

“È necessario garantire condizioni di sicurezza per le collaboratrici domestiche (colf e badanti) di rientro dai Paesi a rischio Covid e per le persone assistite, spesso anziani”. Lo affermano in una nota congiunta Filcams, Spi e Cgil di Perugia, che evidenziano la necessità di individuare spazi dove svolgere l’eventuale quarantena prevista, dato che il domicilio di residenza – lo stesso degli assistiti – non può servire a tale scopo.


“C’è necessità di un intervento del pubblico per gestire la quarantena di queste lavoratrici, individuando strutture dedicate ed evitando situazioni di rischio sanitario o l’allontanamento da parte delle famiglie – sottolineano dalla Cgil – ma c’è anche un problema legato al reddito di queste lavoratrici, visto che la quarantena non é considerata periodo di malattia e non è quindi retribuita. È necessario che il governo, le Regioni e gli enti locali si coordino per fare fronte a una situazione che anche nel nostro territorio riguarda centinaia di lavoratrici e di famiglie.


Questa potrebbe essere l’occasione, inoltre – concludono dal sindacato – per istituire quell’albo regionale delle collaboratrici domestiche che come Cgil chiediamo da tempo, uno strumento in grado di garantire legalità e rispetto dei diritti in un settore fondamentale come quello dell’assistenza alla persona”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*