Economia, il virus non ferma la crescita di imprese straniere in Umbria

 
Chiama o scrivi in redazione


Umbria, contributi per 190 mila euro per iniziative organizzate da terzi
Umbria, contributi per 190 mila euro per iniziative organizzate da terzi

Economia, il virus non ferma la crescita di imprese straniere in Umbria

Cittadini di origine romena e albanese i più intraprendenti

Non si ferma la marcia delle imprese straniere.

Secondo uno studio della Camera di Commercio dell’Umbria, nel I° trimestre 2021 risulta che il 9,7% delle imprese è a conduzione straniera (cioè imprese individuali con titolare nato all’estero o società di capitale con almeno il 50% di cariche e quote in mano a stranieri o società di persone o cooperative con almeno il 50% dei soci o degli amministratori straniero ndr).

Nello scorso anno, al 31 dicembre 2020, l’anno della pandemia, la quota in mano a stranieri era del 9,4% sul totale delle aziende operanti in Umbria.

Nessun “effetto frenata” dunque a causa della crisi innescata dalla pandemia, piuttosto prosegue la marcia costante di crescita (nel 2019 erano 8.785, nel 2020 sono 9.059, al I trimestre dell’anno raggiungono quota 9.161).

Ad una analisi tendenziale si evidenzia una forbice in positivo di oltre 300 imprese. Al primo trimestre dell’anno in corso infatti, le aziende iscritte al Registro Imprese della Camera di Commercio dell’Umbria sono 9.161 (di cui 7.053 localizzate a Perugia e 2.108 a Terni) mentre alla fine del primo trimestre del 2020, la quota era di 8.803 imprese (di cui 6.810 Perugia e 1.993 Terni).

Questo è quanto risulta dalla fotografia scattata dalla Camera di Commercio dell’Umbria che ha inteso analizzare il fenomeno dell’imprenditoria straniera nel suo impatto con l’evento pandemico.

Secondo i dati elaborati dalla Camera di Commercio dell’Umbria, non si hanno variazioni rispetto ai settori di maggior interesse.

Chi arriva in Italia, secondo gli ultimi dati disponibili al I trimestre 2021,  si “butta”  sostanzialmente nel commercio (2.859 le aziende registrate) e nelle costruzioni (2.376). Segue il comparto dei servizi di alloggio e ristorazione ma a notevole distanza. Sono registrate in questa attività 722 aziende in tutta la regione.

Le imprese “straniere” offrono lavoro a 15.302 addetti, di cui 3.678 nel commercio, 3.285 nelle costruzioni, 2.134 nell’industria, 2.053 nei servizi di alloggio e ristorazione, 1.114 nell’agricoltura. La forma giuridica è la ditta individuale per 7.009 aziende su 9.161.

Le società di capitale sono 1.384 mentre sono 670 le società di persone.

“Malgrado la crisi causata dal Covid-19 gli imprenditori immigrati continuano a crescere e  sembrano resistere  – sottolinea il Presidente della Camera di Commercio dell’Umbria, Giorgio Mencaroni –  questo si potrebbe spiegare con il fatto che chi è nato all’estero può essere stato costretto a cercare un’alternativa al mercato del lavoro dipendente a causa della crisi, certo è che l’impresa a conduzione straniera è un trend in crescita costante negli ultimi anni”.
Giorgio Mencaroni, Presidente della Camera di Commercio dell'Umbria
Giorgio Mencaroni

Molto interessante il focus sulla provenienza degli imprenditori stranieri e delle attività da essi svolte.

Limitando il campo di osservazione alle sole imprese individuali (l’unica forma giuridica per la quale è possibile associare univocamente la nazionalità del titolare a quella dell’impresa), i dati restituiscono un’immagine nettamente strutturata delle provenienze degli imprenditori stranieri.

Tra gli imprenditori nati all’estero (sono 14.542 gli imprenditori stranieri e censiti dal Registro Imprese della Camera di Commercio dell’Umbria su una platea totale di 147.516  capitani d’impresa operanti in Umbria) la comunità più numerosa è quella romena con 1.706 imprenditori, seguono gli albanesi con 1.384  imprese individuali registrate e  la comunità marocchina operante con 1.260 aziende individuali. Il quarto Paese di provenienza per numero di imprenditori è la  Svizzera con 865 aziende e la Cina con 703 aziende.

L’analisi condotta attraverso il Registro delle Imprese fa emergere cluster settoriali legati ai paesi d’origine: i romeni e gli abanesi operano per lo più nelle costruzioni, nelle attività di commercio al dettaglio si concentrano i marocchini.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*