Crisi acque, Sangemini, presidio unitario in Prefettura a Terni

 
Chiama o scrivi in redazione


Crisi acque, Sangemini, presidio unitario in Prefettura a Terni

Crisi acque, Sangemini, presidio unitario in Prefettura a Terni


Sangemini, oggi il giorno del presidio unitario e dell’incontro in Prefettura a Terni. “Stante la situazione di stallo delle relazioni industriali con Pessina e il progressivo deterioramento della gestione del gruppo – affermano Fai, Flai e Uila Umbria-, abbiamo unitariamente deciso con le segreterie nazionali di attivare un possibile tavolo di gestione al Mise della crisi del gruppo AMI. Al tempo stesso nella giornata odierna abbiamo chiesto al Prefetto di Terni di attivarsi affinché convochi la proprietà per evitare che le tensioni sociali diventino sempre più incandescenti“.

Il Prefetto Emilio Dario Sensi si è fatto carico della questione di fronte alle organizzazioni sindacali, le Rsu e una delegazione di lavoratori. “Si tratta di una questione che ha una duplice valenza, nazionale e regionale – ribadiscono i sindacati-. Per questo motivo che il Prefetto assuma la cabina di regia può diventare strategico pure con l’interlocuzione con la Regione, attore protagonista della vicenda“.

I Lavoratori tutti, le Rsu e le Organizzazioni Sindacali ringraziano il Prefetto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*