Ubriachi e drogati alla guida, fioccano denunce dai Carabinieri tifernati

 
Chiama o scrivi in redazione


Coppia nella vita e nello spaccio denunciata dai Carabinieri di Castello

Ubriachi e drogati alla guida, fioccano denunce dai Carabinieri tifernati

I Carabinieri della Compagnia di Città di Castello, anche nel fine settimana, sono stati impegnati in una meticolosa vigilanza del territorio, finalizzataalla prevenzione e repressione dei delitti in genere, nonché al contrasto dell’uso e spaccio di sostanze stupefacenti. Dopo il servizio coordinato che nella serata di venerdì ha interessato il comune di Umbertide, durante il quale sono state identificate decine di persone e gli avventori di alcuni locali ritrovo abituale di giovani, nel decorso fine settimana l’attenzione dei Militari si è concentrata sul capoluogo tifernate.

E’ proprio a Città di Castello che i Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NORM, hanno infatti denunciato in stato di libertà un 33enne di nazionalità algerina, già noto alle forze dell’ordine, responsabile di aver ceduto una dose di cocaina ad un 46enne tifernate. Lo stupefacente è stato sequestrato, mentre l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura come assuntore di stupefacenti.

Anche i controlli alla circolazione stradale, finalizzati al contrasto della guida in stato di alterazione, dovuta all’abuso di alcolici, svolti in ottemperanza alle direttive del Ministero dell’Interno e del Comando Provinciale dei Carabinieri, hanno prodotto risultati, in quanto due sono state le patenti di guida ritirate con la denuncia alla Procura della Repubblica di Perugia, per aver guidato sotto l’influenza dell’alcol.

Nel primo caso è stato l’andatura irregolare tenuta dal conducente di una Fiat Punto a far scattare i controlli da parte dei Militari dell’Aliquota Radiomobile del NORM. Il giovane alla guida, un 24enne tifernate, è stato dapprima sottoposto ad accertamento con il precursore portatile “alcol blow” in uso all’Arma dei Carabinieri, quindi alla luce della positività del primo accertamento, sottoposto alle rituali verifiche con etilometro, che ha confermato come il giovane presentasse un tasso alcolemico di 1,51 g/l, quindi ben 3 volte superiore al massimo consentito. Per il giovane, quindi, è scattata la denuncia per guida in stato di ebrezza alcolica ed il ritiro della patentedi guida.

Anche nel secondo caso, è stata l’andatura anomala di una Audi ad indurre i Carabinieri a procedere a controlli a carico del 23enne conducente, che si sono conclusi con il ritiro della patente di guida e la denuncia alla Procura della Repubblica.

Ancora l’alcool protagonista, anche nel caso di un 43enne tifernate, nei pressi della discoteca Formula. L’uomo, notato nel cuore della notte tra sabato e domenica proprio in via A. Bologni dai Carabinieri della Stazione di Città di Castello, in stato di forte agitazione dovuto all’abuso di alcool, mentre urlava camminando in maniera confusa e sbattendo sulle auto in sosta, con il rischio peraltro di essere investito da quelle in transito, è stato controllato dai Militari che sulla scorta di quanto constatato, gli hanno contestato l’ubriachezza molesta, che comporta una sanzione pecuniaria di 102 euro.

I Carabinieri continuano a raccomandare il massimo senso di responsabilità nella guida, soprattutto in relazione all’uso di sostanze alcooliche o stupefacenti. L’invito è quello di non mettersi assolutamente al volante, qualora via sia anche il solo dubbio, di aver ecceduto nel bere, prevedendo, soprattutto nelle uscite in comitiva, che uno dei partecipanti, magari a turno, non assuma alcool e si occupi di riaccompagnare a casa gli altri./Carabinieri

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*