Spara con la pistola in pieno centro a Terni, ferito carabiniere

Spara con la pistola in pieno centro a Terni, ferito carabiniere

Spara con la pistola in pieno centro a Terni, ferito carabiniere

Colpi di pistola in pieno centro a Terni, carabiniere ferito. E’ quanto accaduto in viale Curio Dentato, intorno alle 12 di oggi. Un uomo che viaggiava su una bicicletta elettrica è stato fermato per dei controlli alla rotatoria per piazza Valnerina, in zona stazione. Dopo essere stato fermato ha dato in escandescenza aggredendo gli agenti. In supporto della polizia sono subito arrivati i carabinieri, la Digos e la polizia Locale. A un agente, mentre cercavano di immobilizzarlo, è caduta la pistola. L’uomo è riuscito a prenderla e ferire un carabiniere ai piedi esplodendo forse 5 colpi di pistola.

«Con la pistola ad altezza d’uomo ha sparato cinque colpi muovendosi a semicerchio. Non so come non ci abbia ucciso tutti», ha detto una vigilessa che era su una pattuglia poco distante. L’uomo che ha sparato è stato poi fermato e disarmato ma ci sono volute sei-sette persone per tenerlo fermo. Il carabiniere ferito non sarebbe in pericolo di vita.

È ricoverato in ortopedia con 30 giorni di prognosi il carabiniere 55enne che durante la  sparatoria di oggi (19 luglio) a Terni, ha riportato ferite da arma da fuoco su entrambi i piedi. L’aggressore, un 33enne di origine sudamericana, dopo i primi accertamenti in pronto soccorso e le prime cure per contusioni ed escoriazioni, è stato portato via dalle forze dell’ordine. Sono ancora in corso gli accertamenti ematologici tossicologici.

«Esprimo solidarietà e vicinanza al Comando dei Carabinieri, al Carabiniere ferito questa mattina nel corso di una sparatoria in via della Bardesca a Terni e agli altri agenti di Polizia che sono stati coinvolti nell’episodio di oggi. Sono vicino ai nostri uomini in divisa che stanno intensificando anche nella nostra città i controlli e la presenza sul territorio e che con coraggio e senso del dovere lavorano per garantire sicurezza e legalità. Mi auguro che il responsabile riceva la giusta condanna». E’ quanto scrive il sindaco di Terni, Leonardo Latini.

Il senatore Leonardo Grimani: «Voglio esprimere la più sincera e piena vicinanza e solidarietà al Carabiniere rimasto ferito questa mattina a Terni nell’esercizio delle sue funzioni. Ritengo di una gravità estrema il fatto che un rappresentante delle forze dell’ordine venga colpito durante un normale controllo di routine ed è giusto che il responsabile del gesto paghi per quello che ha commesso, ma è altrettanto importante che non si utilizzi il singolo episodio in maniera strumentale per una questione, quella della sicurezza, che richiede risposte ed azioni ben più complesse. Auguro al Carabiniere ferito un pronto recupero ed un altrettanto rapido ritorno in servizio. Un plauso inoltre a tutti coloro che si sono adoperati perché la vicenda non sfociasse in conseguenze peggiori».

«Desidero esprimere la mia vicinanza e quella di Fratelli d’Italia al carabiniere rimasto ferito oggi a Terni durante una normale attività di controllo. Ancora una volta i nostri uomini e le nostre donne in divisa rischiano la vita per assicurare la sicurezza di noi cittadini. Fratelli d’Italia ribadisce il suo no ai tagli al comparto Difesa e Sicurezza che non è e non potrà mai essere un bancomat dal quale attingere risorse e chiede al governo di stanziare maggiori investimenti per garantire ai nostri militari una maggiore sicurezza e una migliore qualità di vita. Al carabiniere rimasto ferito giungano infine i migliori auguri di pronta guarigione». Lo dichiara in una nota il deputato di Fratelli d’Italia, Emanuele Prisco.

Esprimo a nome mio personale e della Giunta regionale solidarietà e riconoscenza agli uomini dell’Arma dei Carabinieri che, quotidianamente, rischiano la vita per difendere i cittadini: lo ha detto il presidente della Regione Umbria, Fabio Paparelli, dopo aver appreso che stamani un carabiniere è stato ferito a Terni. “Al carabiniere ferito auguro una pronta guarigione – ha detto il presidente Paparelli – e voglio ringraziarlo pubblicamente, anche a nome di tutta la comunità di Terni”. Dopo aver ricordato il ruolo importantissimo che i Carabinieri e le Forze dell’Ordine svolgono “per garantire la convivenza civile e per combattere l’illegalità e ogni forma di crimine”, il presidente Paparelli ha rinnovato “la vicinanza dell’Istituzione regionale agli uomini dell’Arma ringraziandoli per tutto quello che fanno per la comunità umbra”.

Carabiniere ferito a Terni, solidarietà di Fsp Polizia: “Ennesima tragedia sfiorata mentre ancora non abbiamo il minimo delle tutele necessarie”

“Siamo vicini al collega dell’Arma dei carabinieri ferito a Terni e ci auguriamo che possa guarire al più presto. Siamo sgomenti nel pensare che questa situazione avrebbe potuto finire in maniera peggiore, e che per un banale intervento un uomo che stava svolgendo il proprio dovere avrebbe potuto non tornare all’affetto dei suoi cari. La verità è che in questo lavoro di banale, di scontato, di prevedibile non c’è nulla, e solo chi lo fa lo sa. La verità, purtroppo, è che le aggressioni, le resistenze, le reazioni verso i tutori dell’ordine sono ogni giorno più brutali, incontrollate, senza riserve e senza timori, e questo è frutto di un generalizzato modo di agire e di pensare che negli ultimi anni ha portato sempre più a criminalizzare chi veste l’uniforme e, parallelamente, a vedere chi attenta alla salute degli appartenenti alle forze di polizia passarla liscia. La verità, ancora più pesante da sopportare, è che mentre abbiamo sfiorato l’ennesimo dramma, mentre centinaia di altre donne e uomini in divisa fanno i conti con concreti pericoli ogni giorno che passa, ancora attendiamo dotazioni banali come spray, taser, telecamere. Mentre qualcuno ritiene più opportuno dedicare tempo e sforzi a trovare il modo di marchiarci con i numeretti identificativi. E intanto le leggi non sono abbastanza severe contro chi aggredisce i tutori dell’ordine, le pene non sono certe, concrete e reali, e la lista dei nostri feriti cresce vertiginosamente se è vero come è vero che, nello scorso anno, degli agenti che hanno operato su strada ne è finita in ospedale una media di uno ogni 3 ore e mezza”. Così Valter Mazzetti, Segretario Generale dell’Fsp Polizia di Stato, dopo il ferimento di un carabiniere a Terni.

Commenta per primo

Rispondi