Scippo mortale in via della Pallotta Perugia, ricordo di Loredano Maranini

 
Chiama o scrivi in redazione


Scippo mortale in via della Pallotta Perugia, ricordo di Loredano Maranini

Scippo mortale in via della Pallotta Perugia, ricordo di Loredano Maranini

Oggi 5 ottobre, a distanza di quattro anni esatti dalla morte, l’associazione di quartiere FILOSOFI…AMO insieme al figlio Marco, ricordano la figura di Loredano Maranini che il 4 ottobre 2015 fu vittima, in via della Pallotta, di uno scippo che ne provocò, il giorno seguente, la sua morte.

Grazie ad accurate indagini il responsabile, che in un primo momento era fuggito all’estero, fu finalmente preso e il giudizio che ne seguì ha portato ad una condanna a nove anni.

L’associazione “Filosofi…Amo” è da subito e sempre stata vicina alla famiglia Maranini, facendo anche pressione sulle Autorità affinché il caso venisse seguito e le indagini proseguissero: una marcia silenziosa, alla quale parteciparono tante persone, percorse Via dei Filosofi per tenere viva l’attenzione di tutti.

LEGGI ANCHE – Scippo via Pallotta, morto il pensionato aggredito, in carcere 37enne marocchino

Purtroppo però nulla riporterà all’affetto di tutti noi Loredano, che rimane sempre nei nostri cuori, e ci auguriamo che fatti del genere non si ripetano mai più.

«Ringrazio l’associazione FilosofiAmo perché mantiene vivo il ricordo di Loredano – dice l’onorevole Emanuele Prisco -, colo l’occasione per riconfermare la mia vicinanza alla famiglia alla quale, per altro, mi lega un profondo affetto personale. E’ stato un evento – aggiunge -, forse tra i più tragici accaduti nella nostra Perugia negli ultimi anni. Fatti del genere non si devono mai più ripetere. Un fatto che ci deve far tenere alta l’attenzione sul controllo del territorio nei quartieri. Alle forze dell’ordine chiediamo di non mollare la presa su Perugia. Bene – conclude Prisco – sta facendo l’amministrazione comunale Romizi ad implementare la sorveglianza e bene fanno le associazioni del territorio organizzate in rete a vigilare sulla sicurezza della città». 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*