Parcheggiatori abusivi, Blitz dei Carabinieri di Assisi a Santa Maria degli Angeli

Parcheggiatori abusivi, Blitz dei Carabinieri di Assisi a Santa Maria degli Angeli

Parcheggiatori abusivi, Blitz dei Carabinieri di Assisi a Santa Maria degli Angeli Blitz dei Carabinieri della Compagnia comando di Assisi, questa mattina, nei parcheggi della grande Basilica di Santa Maria degli Angeli. I militari, al seguito del Maggiore Marco Vetrulli, sono entrati in azione poco prima delle undici di oggi. Obiettivo fermare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi e quello dell’accattonaggio. I Carabinieri, con una manovra di accerchiamento, hanno cinturato il parcheggio che serve la Basilica di Santa Maria degli Angeli, dove c’è sempre grossa presenza di accattoni e parcheggiatori. Sei le persone fermate e portate nella caserma della Compagnia per gli accertamenti di rito.

Continua, quindi, incessante la lotta al fenomeno dei “parcheggiatori abusivi” dei Carabinieri della Compagnia di Assisi.

Nel corso della mattinata, avute numerose segnalazioni da parte di turisti e residenti, è stato organizzato un vero e proprio “raid” per le strade limitrofe alla Basilica della Porziuncola. Quattro autovetture dei carabinieri, con otto militari  hanno dapprima cinturato la zona e poi, stringendo le loro maglie, sono riusciti a fermare ed identificare ben sei cittadini extracomunitari, tutti di origine nigeriana intenti ad importunare turisti e residenti con pressanti richieste di denaro. [Continua dopo la slide fotografica]

Questo slideshow richiede JavaScript.

Portati tutti all’interno della caserma di Santa Maria degli Angeli sono stati identificati e per alcuni di loro sono scattate denunce e sequestri di somme di denaro provento dell’attività illecita.

Per uno di loro è scattata anche la denuncia penale in quanto inottemperante all’ordine di mostrare i propri documenti di identificazione. Nel complesso sono state elevate contravvenzioni per migliaia di euro. Ancora una volta la collaborazione, oramai ben consolidata, tra cittadini ed Arma dei Carabinieri ha dato i priori frutti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*