Otto chilometri di terrore, incidente mortale a Piccione rivela una guida contromano

Otto chilometri di terrore, incidente mortale a Piccione rivela una guida contromano

Otto chilometri di terrore, incidente mortale a Piccione rivela una guida contromano

Antonino Giallombardo, un uomo di 75 anni residente a Ponte San Giovanni, è stato identificato come il conducente che ha percorso otto chilometri in direzione opposta prima di un fatale incidente a Piccione. Questo incidente ha portato alla morte di lui e di Francesco Migliorati, un residente di Pianello di 46 anni. A scrivere questo è il Messaggero dell’Umbria in un articolo a firma di Michele Milletti.,

La polizia locale ha ricostruito che Giallombardo, con la sua auto, ha invaso la corsia di Migliorati, causando una collisione frontale. Tuttavia, testimonianze indicano che la guida pericolosa di Giallombardo potrebbe essere iniziata otto chilometri prima dell’incidente.

Questi otto chilometri sono la distanza tra il luogo dell’impatto e la zona di Scritto, dove è stata segnalata ai carabinieri di Gubbio la presenza di una Classe A che viaggiava contromano. L’autore della segnalazione ha rivelato su Facebook di aver contattato l’Arma alle 14.37, pochi minuti prima dell’impatto devastante.

Gli agenti della polizia locale di Perugia stanno esaminando tutti questi elementi. La Procura dovrà stabilire come orientare eventuali accertamenti successivi sulla base dell’informativa consegnata. Potrebbe essere aperto un fascicolo d’indagine contro ignoti, che potrebbe consentire di eseguire l’esame autoptico sui corpi delle due vittime. Risposte importanti potrebbero provenire in particolare dall’esame sul 75enne per capire se possa essere stato vittima di un malore, che potrebbe spiegare una condotta al volante così pericolosa.

Migliorati è morto sotto gli occhi della moglie, che viaggiava in un’altra auto dietro quella del marito. Erano usciti insieme, ma su vetture diverse, per organizzare la festa di comunione della figlia. Anche la persona che guidava l’auto su cui viaggiava la moglie ha confermato di aver visto la Classe A finire frontalmente addosso all’auto condotta da Migliorati, senza che quest’ultimo avesse la possibilità di schivarla. Un dramma nel dramma che aggiunge un ulteriore livello di tragedia a questo già tragico incidente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*