Neonato morto, la madre, non era sua intenzione ucciderlo

Neonato morto, la madre, non era sua intenzione ucciderlo

Neonato morto, la madre, non era sua intenzione ucciderlo. La donna di 27 anni, madre del neonato abbandonato nel parcheggio del supermercato e poi trovato morto, ha ribadito che non era sua intenzione uccidere il figlio nato da poche ore. Lo ha fatto nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip, Natalia Giubilei, che ha disposto a suo carico la custodia cautelare in carcere a Capanne per omicidio volontario.

La giovane, sollecitata dalle domande del giudice, ha ricostruito la vicenda, dal momento del parto a quello dell’abbandono. Il legale, al termine dell’interrogatorio, ha chiesto al gip la sostituzione della misura della custodia cautelare in carcere con quella dei domiciliari, e una perizia psichiatrica sulla giovane con la formula dell’incidente probatorio.

LEGGI ANCHE: Neonato morto Terni, sarà chiesta la perizia psichiatrica per la donna

La giovane continua a sostenere che non avrebbe voluto uccidere il piccolo: «Ho lasciato la placenta per protezione». La procura però le contesta di aver in qualche modo nascosto la busta «in un punto non facilmente accessibile». Per ora la donna resta in carcere con l’accusa di omicidio volontario, aggravato dal fatto che la vittima fosse suo figlio.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*