Lancia candeggina contro la moglie, potrebbe patteggiare un uomo di 45 anni

L'uomo è accusato di aver maltrattato e ferito la moglie, mettendo a rischio la sua vita e quella dei loro figli

Picchia la moglie davanti alle figlie, condannato a due anni e mezzo di carcere

Lancia candeggina contro la moglie, potrebbe patteggiare un uomo di 45 anni

Lancia candeggina – Un uomo di 45 anni di San Severo, in provincia di Foggia, potrebbe optare per il patteggiamento della sua condanna in seguito alle accuse mosse nei suoi confronti. Attualmente sotto processo a Perugia, l’uomo è accusato di reati gravi tra cui maltrattamenti in famiglia e lesioni contro la moglie. A riportare la notizia è il Messaggero dell’Umbria, in un articolo a firma di Enzo Berretta.

Secondo quanto riportato dalle accuse, la donna è stata vittima di tentativi di strangolamento da parte del marito, il quale, in preda all’ira, le avrebbe urlato di tacere durante l’atto. Uno degli episodi più gravi è avvenuto nel luglio 2020, quando l’uomo avrebbe cercato nuovamente di soffocarla di fronte ai loro due figli minori, dopo aver consumato alcolici.

Le accuse includono anche altri atti violenti, come il lancio di candeggina sul corpo della moglie, ferirla con un taglierino e colpirla con la doga di un letto. La Procura ha descritto scene di violenza fisica e verbale, quali pugni alla testa, calci allo stomaco e minacce.

In un momento particolarmente agitato, l’uomo avrebbe persino costretto il figlio a bere alcolici prima di tornare a maltrattare la moglie, la quale, spaventata, si era barricata in camera da letto. Gli atti di violenza sembravano non avere fine, con l’uomo che arrivava persino a minacciare di uccidere la donna e a lanciarle oggetti pesanti.

La Procura ha inoltre ricostruito un episodio in cui l’uomo, in stato di ubriachezza, si è messo alla guida dell’auto mettendo a rischio la vita di tutta la famiglia. Questi episodi di violenza e abuso hanno messo in pericolo la vita della moglie e dei figli, secondo quanto sostenuto dalle accuse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*