Immigrazione clandestina, marocchino espulso e tunisino da rimpatriare

E intanto l'8 di gennaio arriva a Perugia il nuovo questore Giuseppe Bisogno, primo incontro con la stampa alle 12,30

 
Chiama o scrivi in redazione


Immigrazione clandestina, marocchino espulso e tunisino da rimpatriare

Immigrazione clandestina, marocchino espulso e tunisino da rimpatriare

Continua il piano di contrasto all’immigrazione clandestina messo in atto dalla Polizia di Stato che, nei giorni scorsi ha eseguito due provvedimenti di espulsione. Il primo, un tunisino dell’85, è stato rintracciato a Fontivegge dagli uomini della Squadra Mobile che, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine, era impegnato in un servizio di contrasto allo spaccio di stupefacenti. Accompagnato in Questura per essere compiutamente identificato, è emerso che lo straniero, seppure incensurato, non aveva mai ottenuto rilascio di permesso di soggiorno ed era già stato colpito da provvedimento di allontanamento dal territorio nel novembre dello scorso anno.

Dopo gli adempimenti di rito, è stato accompagnato in un C.P.R., in attesa di essere rimpatriato. Già imbarcato sul volo per Casablanca, invece, un Marocchino del ‘73. Titolare di un permesso di soggiorno per lavoro che, tuttavia, era scaduto nel 2016 e non era suscettibile di rinnovo per il venir meno dei requisiti, nel gennaio 2017 era stato colpito da provvedimento di espulsione.

Individuato ed identificato dai Carabinieri di Corciano, accertata la sua irregolarità sul territorio, è stato preso in carico dall’Ufficio Immigrazione della Questura.

Adempiute le pratiche formali, i poliziotti lo hanno scortato fino all’aeroporto di Bologna ed imbarcato sul volo che lo ha ricondotto in patria.

E intanto l’8 di gennaio arriva a Perugia il nuovo questore Giuseppe Bisogno

In data 8 gennaio 2018 alle ore 12:30 presso la sede della Questura – 4° piano si terrà la conferenza stampa di insediamento del nuovo Questore di Perugia Dr. Giuseppe Bisogno. Le SS.LL. sono invitate ad intervenire. (comunicato Polizia di Stato)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*