Esame di Suarez anticipato per il covid, il professore Cingari lascia il senato accademico

 
Chiama o scrivi in redazione


Sarah Bistocchi, un secchio di ipocrisia sulle speranze dei “nuovi italiani”

Esame di Suarez anticipato per il covid, il professore Cingari lascia il senato accademico

La sessione straordinaria indetta ad hoc per l’esame farsa di Luis Suarez sarebbe stata motivata con l’emergenza Covid, ma anche una per tre giovani che vogliono diventare italiani. Tre ragazzi che vivrebbero nel Perugino e avrebbero superato anche loro positivamente l’esame, ma con un trattamento diverso. Lo riportano oggi i quotidiani della carta stampata.

L’inchiesta della procura, mira a ricostruire quanto accaduto prima e durante quella sessione per trovare conferma ai reati di corruzione, rivelazione di segreti d’ufficio e falso ideologico ipotizzati a vario titolo agli indagati stessi. Il numero degli indagati, intanto sale, ci sarebbe anche una dirigente amministrativa per fatti relativi al 2018 e 2019.

Tornando all’esame di Suarez del 17 settembre. Una delibera di consiglio in cui viene indicata la giustificazione dell’anticipo di cinque giorni rispetto alla data prefissata, il 22 settembre, dell’esame per la certificazione di italiano B1, utile per ottenere cittadinanza e passaporto.

Per la Stranieri quella sessione anticipata era dettata dalla necessità di non creare assembramenti. Suarez è stato esaminato in un edificio staccato da Palazzo Gallenga, visto che il giocatore uruguaiano avrebbe avuto dei fan al seguito.

La rettrice Giuliana Grego Bolli è tornata nel suo ufficio a lavorare e da quanto si apprende, non sarebbe intenzionata, almeno al momento, a mollare la guida dell’Ateneo. Dopo il segnale forte delle dimissioni dei rappresentanti degli studenti dal Senato accademico e dal consiglio di amministrazione ieri ha lasciato il professor Salvatore Cingari, decano dei professori ordinari in senato accademico.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*