E’ morto Antonio Giorgetti, Perugia in lutto, il cordoglio della città

 
Chiama o scrivi in redazione


E' morto Antonio Giorgetti, lutto a Perugia, il cordoglio della città

E’ morto Antonio Giorgetti, Perugia in lutto, il cordoglio della città

E’ con profondo dolore che Confcommercio Umbria annuncia la scomparsa di Antonio Giorgetti,notissimo imprenditore di origini marchigiane, ma perugino di adozione,che ha rappresentato una figura di eccellenza e di riferimento del mondo imprenditoriale e associativo umbro, e in particolare del centro storico di Perugia.

Giorgetti è stato per lunghi anni  presidente della Confcommercio a livello sia regionale che della provincia di Perugia, e ha guidato per oltre un decennio anche l’Università dei Sapori.

La presidenza,  i dirigenti, la direzione, i dipendenti di tutto il sistema Confcommercio si stringono con profondo affetto e cordoglio alla moglie Roberta e ai figli Luigi e Simona .

Antonio Giorgetti

Al di là del ruolo associativo e del percorso imprenditoriale che lo ha visto assoluto protagonista  – dichiara il presidente di Confcommercio Umbria Giorgio Mencaroni-  di Antonio Giorgetti tutti hanno avuto modo di apprezzare i modi da gentiluomo, il garbo, la gentilezza estrema, la disponibilità, la  capacità di ascolto e di mediazione. Un uomo di equilibrio, intelligenza e  buon senso, brillante, dai toni sempre pacati e dal sorriso sempre pronto ad illuminargli il volto, con un legame profondo con Perugia, che ormai era la sua città: tratti che gli hanno fatto guadagnare la stima e l’affetto di tutti quelli che lo hanno conosciuto.

E’ stato un imprenditore simbolo di un momento proficuo e di crescita dell’economia di Perugia, e ha vissuto con passione prima l’esperienza  alla guida della nostra associazione e del Consorzio del centro storico, poi quella, per lui nuovissima ed entusiasmante, di presidente dell’Università dei Sapori, che ha lanciato verso la consacrazione definitiva. Oggi figure come la sua sarebbero state tanto più necessarie. Ci mancherà moltissimo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*