Detenuto tenta il suicidio al carcere di Teni, salvato dalla polizia penitenziaria

suicidio

Detenuto tenta il suicidio al carcere di Teni, salvato dalla polizia penitenziaria Ha tentato di uccidersi nella sua cella del carcere di TERNI, ma l’uomo è stato salvato dal tempestivo intervento dell’Agente di Polizia Penitenziaria in servizio.

“L’insano gesto – posto in essere mediante impiccamento – non è stato consumato per il tempestivo intervento dei poliziotti penitenziari. L’uomo, un detenuto italiano 25 anni di origine campane in isolamento precauzionale, alle ore 23.30 ha tentato di impiccarsi nella propria cella, ma per fortuna è stati salvato dal tempestivo intervento dell’Agente del Corpo di Polizia Penitenziaria di sezione si è evitato che l’estremo gesto avesse conseguenze. L’ennesimo evento critico accaduto nel carcere di TERNI è sintomatico di quali e quanti disagi caratterizzano la quotidianità penitenziaria”,denuncia Fabrizio BONINO,  segretario nazionale per l’Umbria del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE.

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, il primo e più rappresentativo dei Baschi Azzurri, evidenzia che “per fortuna delle Istituzioni, gli uomini della Polizia Penitenziaria svolgono quotidianamente il servizio in carcere – come a Terni – con professionalità, zelo, abnegazione e soprattutto umanità, pur in un contesto assai complicato per il ripetersi di eventi critici. E’ solamente grazie a loro, agli eroi silenziosi del quotidiano con il Basco Azzurro a cui va il ringraziamento del SAPPE per quello che fanno ogni giorno, se le carceri reggono alle costanti criticità penitenziarie. La situazione delle carceri si è notevolmente aggravata. Basterebbe avere l’onesta di esaminare i dati sugli eventi critici accaduti in carcere nell’anno 2017”, denuncia. “E la cosa grave è che questi numeri si sono concretizzati proprio quando sempre più carceri hanno introdotto la vigilanza dinamica ed il regime penitenziario ‘aperto’, ossia con i detenuti più ore al giorno liberi di girare per le Sezioni detentive con controlli sporadici ed occasionali della Polizia Penitenziaria”.

Roma, 25 ottobre 2018

Commenta per primo

Rispondi