Detenuto tenta di ustionare agente con olio bollente, accade a Capanne

Detenuto tenta di ustionare agente con olio bollente, accade a Capanne

Detenuto tenta di ustionare agente con olio bollente, accade a Capanne

Ennesimo episodio di violenza all’interno della casa circondariale di Perugia “Capanne”. Nella mattinata odierna un detenuto di origine extracomunitaria, con problemi psichiatrici, al reparto 1^ accoglienza, approfittando dell’uscita dalla propria camera detentiva per effettuare una telefonata al proprio avvocato, ha cercato di ustionare l’assistente di polizia penitenziaria addetto alla vigilanza del reparto con un pentolino contenente olio bollente.

Solo grazie al tempestivo intervento di altri poliziotti penitenziari, si e’ portato l’ordine e la sicurezza dell’ intero reparto, scongiurando una sicura aggressione con conseguenze devastanti per il poliziotto.

Per l’assistente di polizia solo un grosso rischio ma fortunatamente nessun danno fisico; rischio che ogni giorno corrono tutti i poliziotti del carcere perugino per la presenza di numerosissimi detenuti problematici, affetti da disturbi psichiatrici che vengono trasferiti presso l’istituto perugino da tutta italia. A darne notizia e’ il segretario provinciale O.S.A.P.P. Nicola Grassia , il quale rimarca ancora una volta la notevole mancanza di poliziotti e di medici specialisti psichiatrici.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
28 − 14 =