Coronavirus, tutti negativi i tamponi in Umbria, arrivano i container fuori dagli ospedali


Scrivi in redazione

Coronavirus, tutti negativi i tamponi in Umbria, arrivano i container fuori dagli ospedali

Sono tutti negativi i 30 tamponi eseguiti sui pazienti sospetti al Santa Maria della Misericordia dall’inizio dell’emergenza Coronavirus. Ai tamponi invece sono stati sottoposti i cosiddetti casi sospetti: un paziente già ricoverato in pneumologia, persone sintomatiche all’influenza che hanno dichiarato di essere state nella zona rossa al nord. Sono in arrivo i container che saranno installati davanti agli ospedali per creare percorsi differenziati ed evitare l’accesso incontrollato nei pronto soccorso, destinati ad accogliere i casi sospetti. All’interno verrà eseguita il triage e forse anche i tamponi, senza escludere che possano diventare minireparti di “Obi – Osservazione breve“.

Ad Assisi e a Terni sono già arrivati, oggi sarà la volta di Perugia, Foligno e Spoleto, entro domani anche a Pantalla e Branca. È uno dei provvedimenti del piano di emergenza predisposto dalla Protezione civile per affrontare il coronavirus.

Ieri mattina negli uffici del Broletto si è riunita la task-force regionale che ha messo nero su bianco una serie di documenti utili a dare indicazioni ai medici sui comportamenti da adottare. Nel pomeriggio di ieri è andato in scena un vertice in prefettura con forze dell’ordine e rappresentanti delle istituzioni.

«Siamo pronti per qualsiasi evenienza. Aspettiamo il Governo che ci fornisca indicazioni precise», dice la presidente della Regione, Donatella Tesei -. «Siamo tranquilli, abbiamo analizzato i possibili scenari operativi e, nel corso del comitato, non sono emerse criticità».

L’ospedale sta anche pensando di creare un percorso dedicato interno e sta valutando la possibilità di attrezzare un reparto con 20-30 posti letto isolati. Nella riunione in Prefettura è stato ribadito che gli individui che dal primo febbraio sono transitati e hanno sostato nei comuni lombardi di Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione D’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei passerini e a Vò (in Veneto) devono comunicarlo alla propria Asl di competenza.

In Umbria qualunque caso sospetto di coronavirus dovrà essere ricoverato nelle cliniche di Malattie infettive di Perugia e Terni per prevenire i possibili casi secondari.

La raccomandazione di non presentarsi nelle strutture sanitarie in caso di sintomi dubbi ma di contattare il medico di base.

Oggi il Presidente del consiglio Giuseppe Conte non sarà a Norcia al cantiere della scuola Gasperi-Battaglia. In mattinata il Premier guiderà una videoconferenza con i governatori per fare il
punto sui provvedimenti da adottare, la presidente Tesei parteciperà dal Centro regionale di Protezione civile di Foligno.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*