Coronavirus? Loro se ne fregano e vanno in giro, denunciati in 17

 
Chiama o scrivi in redazione


Coronavirus? Loro se ne fregano e vanno in giro, denunciati in 17

Coronavirus? Loro se ne fregano e vanno in giro, denunciati in 17

Denunciate 17 persone, sui territori di Acquasparta, San Gemini, Terni, Stroncone, Ferentillo e Arrone, per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità – ai sensi dell’art. 650 c.p. – relativi al contenimento dell’infezione da coronavirus. Ad operare i Carabinieri della Compagnia di Terni, impegnati quotidianamente nella verifica del rispetto delle prescrizioni indicate dai D.P.C.M. per il contenimento del COVID-19. Oltre 30 le pattuglie messe in campo su tutto il territorio.

Non solo denunce, naturalmente, i militari dell’Arma hanno consigliato

Non solo denunce, naturalmente, i militari dell’Arma hanno consigliato la popolazione, incoraggiano i cittadini a rimanere in casa e a rispettare le prescrizioni a tutela della salute. Molti sono i ringraziamenti ricevuti, numerosi i gesti di apprezzamento rivolti a tutti i militari impegnati su strada, a sugellare ancora una volta il rapporto di fiducia che, da oltre due secoli, lega la popolazione all’Arma benemerita. I trasgressori sono principalmente di giovane età (fascia tra i 20 e i 30 anni) e di varia nazionalità, sorpresi nella quasi totalità dei casi in piccoli assembramenti nei centri cittadini: è il caso di 9 giovani controllati a Terni, in due gruppi distinti, a bivaccare in strada. Uno di loro, controllato sia la notte di sabato che quella di domenica, addirittura recidivo alla violazione.

Intenti a fare gruppo durante la notte

Analoga sorte per 3 giovani di Acquasparta, intenti a fare gruppo durante la notte appena trascorsa, incuranti delle limitazioni. Si registrano ancora casi di persone provenienti da comuni molto distanti dal ternano, spostamenti motivati dalla voglia di far visita ad un amico, o quelli di giovani sorpresi in gruppo in scooter, tutti comportamenti vietati dalla normativa vigente. Alcune delle persone controllate mostrano la busta della spesa in auto ma non sono in grado di mostrare lo scontrino fiscale degli acquisti appena dichiarati, altre hanno al seguito medicinali da portare a qualche conoscente: le verifiche sulle autodichiarazioni sono immediate e scrupolose, scuse improbabili portano alla inevitabile denuncia a piede libero.

L’Arma invita i cittadini a contattare telefonicamente il Numero Unico di Emergenza 112, oppure le Stazioni dislocate sul territorio, per avere informazioni, consigli e delucidazioni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*