Caccia, spari troppo vicini alle case, venti le irregolarità nel primo giorno

Caccia, spari troppo vicini alle case, venti le irregolarità nel primo giorno

Caccia, spari troppo vicini alle case, venti le irregolarità nel primo giorno

Almeno venti le irregolarità riscontrate dai carabinieri forestali dell’Umbria che nel primo giorno di caccia. Le segnalazioni dei residenti che lamentavano che i cacciatori sparassero troppo vicino alle case alla fine erano vere. Così i militari sono intervenuti su almeno un centinaio di segnalazioni fatte.

Nella maggior parte dei casi le irregolarità hanno riguardato colpi di fucile esplosi troppo vicino alle abitazioni. Per legge la distanza minima deve essere cento metri, che sale a centocinquanta se si spara nella direzione di un’abitazione. La distanza minima per i quali il cacciatore può solo sparare di spalle verso le sedi stradali o ferrovie e altre vie di comunicazione, invece, è di cinquanta metri. I carabinieri hanno così sequestrato fucili e munizioni.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
16 × 11 =