Arrestato latitante straniero, aveva commesso 21 furti

 
Chiama o scrivi in redazione


Un arresto per lesioni aggravate in ambito familiare e resistenza a Pubblico Ufficiale

Arrestato latitante straniero, aveva commesso 21 furti

Nel pomeriggio di ieri 15 luglio, personale della Polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Velletri, a carico di un cittadino albanese – rintracciato nel Lazio – ritenuto responsabile, in concorso, con altri due connazionali di furto aggravato e continuato nonché di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente tipo marijuana e detenzione di armi clandestine.

Il cittadino albanese di anni 32, gravato da precedenti di polizia ed irregolare sul territorio nazionale, già sfuggito alla cattura lo scorso 28 giugno, a seguito di una pressante attività d’indagine è stato rintracciato nel pomeriggio di ieri all’interno di un’abitazione in Aprilia (Latina), da personale della Squadra Mobile di Perugia e della locale Sezione della Polizia Stradale, con il supporto operativo dalla Squadra Mobile di Roma.

Il provvedimento restrittivo origina dal decreto di fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia, nei confronti di tre cittadini di nazionalità albanese, – di cui due rintracciati il 28 giugno – gravemente indiziati di furto aggravato e continuato e di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente tipo marijuana e detenzione di armi clandestine.

Le indagini svolte dalla Squadra Mobile Perugina e dalla P.G. della locale Sezione della Polizia Stradale, coordinate dalla locale Procura della Repubblica, hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza, nei confronti dei tre indagati, in ordine alla commissione di ventuno furti consumati e tentati, in orario notturno, mediante effrazione, nel periodo compreso fra il luglio 2020 ed aprile 2021, ai danni di esercizi posti all’interno di aree di servizio, nonché in centri commerciali ubicati in Umbria e Lazio.

I proventi delle attività delittuose, consistenti prevalentemente in tagliandi gratta e vinci, tabacchi, valori bollati e denaro, hanno un valore complessivo di circa 200.000 euro.

Nella mattina del 28 giugno, su delega della locale Procura della Repubblica, erano state eseguite anche delle perquisizioni che avevano consentito di rinvenire e sequestrare presso le abitazioni degli indagati attrezzi atto allo scasso, biglietti gratta e vinci, merce di provenienza furtiva, una riproduzione di una pistola semiautomatica a salve, abilmente occultata all’esterno di una delle abitazioni, due proiettili cal 9 corto, nonché, circa, 1000 piante di marijuana, parte delle quali, giunte a maturazione, già stoccate in essiccazione, in attesa d’essere immesse sul mercato clandestino degli stupefacenti.

Le perquisizioni avevano consentito di rinvenire anche una vasta piantagione di marijuana, attrezzature idonee alla coltivazione delle stesse, tra cui una pompa elettrica per l’irrigazione e per la captazione di un vicino corso d’acqua, un generatore di corrente, fertilizzanti specifici ed attrezzi agricoli.

I tre cittadini albanesi sono attualmente ristretti al carcere di Capanne.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*