Sciopero farmacie pubbliche Perugia e Terni, contratto nazionale scaduto🔴📸FOTO

Sciopero farmacie pubbliche Perugia e Terni, contratto nazionale scaduto, manca da 7 anni, rinnovo con AssofarmSciopero farmacie pubbliche Perugia e Terni, contratto nazionale scaduto, manca da 7 anni, rinnovo con Assofarm
Lavoratrici e lavoratori delle farmacie pubbliche di Perugia e Terni hanno scioperato nella mattinata del 18 maggio di fronte ai rispettivi Comuni per portare di fronte alle Istituzioni il problema del rinnovo del contratto nazionale scaduto, ormai da 7 anni.



Per le farmacie pubbliche, infatti, c’è indisponibilità da parte dell’Associazione datoriale Assofarm, che non definisce un impianto normativo e un aumento adeguato alle prestazioni fornite dai farmacisti pubblici.

Sciopero farmacie pubbliche Perugia e Terni, contratto nazionale scaduto🔴📸FOTO

Vasco Cagliarelli, Cgil, commenta lo sciopero definendolo essenziale e riuscito. “La grande partecipazione di questa mattina – spiega – testimonia il malessere provato da lavoratori che, nonostante il servizio effettuato durante la pandemia, vedono la loro professionalità lesa.” 250 le farmaciste e farmacisti presenti a Perugia di fronte il Comune, e la speranza, per Cagliarelli, è che questi aumentino. Sono stati comunque garantiti i servizi alla cittadinanza delle farmacie, ma è stata lasciata la possibilità ai dipendenti di poter scioperare.

“Il messaggio che abbiamo mandato oggi è forte e chiaro – spiegano i sindacati – e siamo sicuri che questo sciopero, insieme a quelli che si sono svolti e si stanno svolgendo in tutta Italia, contribuirà a raggiungere l’obiettivo: rinnovare un contratto nazionale scaduto da 7 anni, dopo due anni di pandemia in cui queste lavoratrici e questi lavoratori sono stati considerati eroi, salvo poi essere dimenticati quando rivendicano il diritto ad un giusto rinnovo contrattuale”.

Anche per Marco Cacioni, coadiutore di farmacia UIL, il problema è il mancato riconoscimento di un aumento per i lavoratori e l’equiparazione ai farmacisti privati, che svolgono invece mansioni e servizi differenti. Si dice tuttavia positivo, “all’inizio della mobilitazione – spiega Cacioni – c’era chiusura su qualsiasi fronte, ad oggi riusciamo a vedere una leggera apertura, nella speranza che Assofarm capisca la situazione.”

Durante la manifestazione di Perugia, con oltre 70 lavoratrici e lavoratori di Afas (l’azienda speciale delle farmacie comunali) sotto palazzo dei Priori, una delegazione sindacale è stata ricevuta dall’assessora Cristina Bertinelli, presenti anche i vertici di Afas e Assofarm Umbria (la controparte datoriale).

Incontro analogo anche a Terni, dove la delegazione sindacale è stata ricevuta dal sindaco, Leonardo Latini, che ha accolto la richiesta di Filcams, Fisascat e Uiltucs, di scrivere ad Assofarm per spingere verso una soluzione della vertenza. Ora si attendono gli sviluppi della trattativa a livello nazionale, ma dall’Umbria è arrivata una forte spinta delle lavoratrici e dei lavoratori delle farmacie pubbliche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*