San Valentino, presentato il ricco programma degli eventi

"Mi prendo cura di te" è il titolo dell'edizione 2022 dedicata alla cura delle relazioni

San Valentino, presentato il ricco programma degli eventi

San Valentino, presentato il ricco programma degli eventi

“Mi prendo cura di te” è il titolo dell’edizione 2022 dedicata alla cura delle relazioni

“Mi prendo cura di te, vuole essere la risposta alla difficile situazione attuale, ristabilendo e riallacciando quelle relazioni che, a causa del perdurare della pandemia, hanno minato i rapporti fra le persone e le relazioni spirituali, sociali e ambientali”.

E’ questo il messaggio affidato alle celebrazioni di San Valentino dal sindaco di Terni, Leonardo Latini, e dal vescovo della diocesi di Terni-Narni-Amelia, mons. Francesco Antonio Soddu.


Di Rossano Pastura


Sarà un San Valentino ricco di eventi, nonostante il periodo particolare, che vuole dare speranza e fiducia al futuro” ha sottolineato il sindaco Latini. “Ci saranno occasioni culturali e ricreative, che si intrecceranno e affiancheranno quelle religiose e spirituali”.

“Sarà un’edizione speciale sotto tanti punti di vista – ha spiegato il sindaco di Terni -, il segnale della ripresa e soprattutto il primo San Valentino con un nuovo vescovo, mons. Soddu, con cui iniziare un percorso che dia risalto alla relazione profonda che riguarda tanti aspetti della città, fra il nostro Patrono e la comunità ternana“.

“Dobbiamo guardare avanti – ha concluso Latini – dopo due anni di pandemia, e valorizzare e goderci il grande lavoro che è stato fatto anche quest’anno, per organizzare tutti gli appuntamenti che andranno ad allietare e animare questa edizione degli Eventi Valentiniani”.

Mons. Francesco Antonio Soddu ha voluto ricordare l’importanza di questo suo primo appuntamento con le celebrazioni del santo patrono: “sono stato ordinato vescovo solo un mese fa, e diventare vescovo significa sposarsi con la diocesi di cui si diventa pastore. E avere San Valentino come patrono della città di cui sono vescovo, è emozionante e ricco di significato”.

Ordinazione e ingresso in diocesi di Terni del vescovo monsignor Francesco Soddu

San Valentino non è solo il patrono degli innamorati, ma dell’amore universale – ha ribadito il vescovo – e questo mi rende orgoglioso ed emozionato per essere qui. Sono grato a Dio di avermi consegnato questa diocesi, di cui ogni giorno che passa, scopro le sue eccellenze, la sua bellezza, innamorandomene sempre più”.

Tanti gli appuntamenti religiosi e culturali che animeranno la città fino alla fine del mese di marzo.

Don Salvatore Ferdinandi, vicario generale della Diocesi, ha spiegato il senso profondo del “Mi prendo cura di te: la cura delle relazioni interpersonali, spirituali, socio-sanitarie e ambientali”.

Per don Ferdinandi si tratta di “un’ un’iniziativa che attraverso l’apertura di tavoli di ascolto, intende recepire problematiche, istanze e proposte da parte delle persone che vivono nei territori circostanti la basilica di San Valentino. L’obiettivo è di mettere in rete soggetti privati e istituzioni per dare risposte concrete che riqualifichino le relazioni di vita delle persone”.

Come primo segno tangibile di aiuto alle persone bisognose e quale esplicitazione del messaggio d’amore alla vita a cui richiama San Valentino verrà finanziato il progetto Gemma per il sostegno di una maternità in difficoltà delle parrocchie di Santa Maria del Carmelo, San Giovanni e San Valentino.

“Un sostegno concreto – ha concluso don Ferdinandi –  in questo particolare momento, che possiamo definire inverno demografico, che interessa in maniera particolare la città di terni”.

Il programma religioso

Ricco il programma religioso, che vedrà il 12 febbraio la celebrazione della festa della Promessa dei fidanzati, presieduta da mons. Francesco Antonio Soddu vescovo di Terni-Narni-Amelia al quale parteciperanno circa 50 coppie di fidanzati che si sposeranno entro l’anno provenienti da varie parti d’Italia.

Domenica 13 febbraio alle ore 10 nella Cattedrale di Terni sarà celebrata la festa diocesana di San Valentino, con il solenne pontificale presieduto dal vescovo Francesco Antonio Soddu, concelebrato dai vicari foranei ed episcopali, alla presenza del sindaco Leonardo Latini, del prefetto Emilio Dario Sensi, della presidente della Provincia di Terni Laura Pernazza, degli assessori del Comune di Terni, delle autorità militari, assessori e consiglieri regionali dell’Umbria, dei sindaci dei Comuni del comprensorio diocesano, dei rappresentanti delle associazioni e movimenti della Diocesi.

Durante il pontificale il sindaco Leonardo Latini accenderà la lampada votiva e pronunzierà l’atto di affidamento della città al Santo Patrono, segno di devozione e della disponibilità degli amministratori pubblici ad essere attenti ai bisogni della comunità e a promuovere con onestà e saggezza ciò che giova al bene comune. Alla celebrazione sono state invitate a partecipare 250 persone, secondo la capienza massima della Cattedrale.

Il 14 febbraio Festa di San Valentino alle ore 11 nella basilica di San Valentino ci sarà la solenne messa presieduta da mons. Domenico Sorrentino Vescovo di Foligno.

 Al termine della celebrazione, benedizione e inaugurazione della vetrata “Ordinazione di     San Valentino da parte di San Feliciano”, offerta dal Lions Club San Valentino e realizzata dagli studenti e docenti del liceo artistico “Metelli” di Terni.

Il programma culturale

Molto articolato e ricco anche il programma culturale illustrato dall’assessore alla cultura Maurizio Cecconelli.

Cecconelli ha spiegato come “si siano voluti coinvolgere tanti soggetti, diversi, per valorizzare appieno la città”.

“Per questo ci saranno eventi che prevedono – ha continuato l’assessore – la presentazione di libri, di studi inediti sul Santo Patrono, mostre e concerti di musica jazz e di musica classica”

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*