Perugia, il quadro di Magdalena Anna Spruch inserito nel catalogo “L’Arte in Quarantena” di Mondadori

La giovane artista polacca vive e lavora a Perugia da molti anni

 
Chiama o scrivi in redazione


Perugia, il quadro di Magdalena Anna Spruch inserito nel catalogo “L’Arte in Quarantena” di Mondadori

PERUGIA – C’è anche un’opera di Magdalena Anna Spruch, polacca di origine ma perugina di adozione, tra le opere selezionate ed inserite nel catalogo “L’Arte in Quarantena”, edito da Mondadori, che sarà presentato giovedì 17 giugno presso l’auditorium dell’università Iulm di Milano. La conferenza, presentata da Salvo Nugnes e dal direttore del Tgcom24 Paolo Liguori, vedrà la partecipazione di diverse personalità del mondo dell’arte e della cultura. Un riconoscimento di prestigio per la giovane artista che nel catalogo presenta il quadro “Rainbow Leaves”, un acrilico e materico su tela.

“Per me essere stata selezionata è stato un enorme privilegio ed un immenso piacere. E’ una grande soddisfazione essere stata scelta da una casa editrice come la Mondadori che in questo catalogo ha inserito, oltre alle opere di artisti contemporanei, anche quelle di personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo come Amanda Lear, Romina Power, Sylvester Stallone, Gina Lollobrigida, Johnny Depp, Edoardo Bennato, Federico Fellini e tanti altri”, dichiara Magdalena.

Il catalogo, infatti, vuole  essere testimonianza del grande potere terapeutico dell’arte, tanto per chi la crea quanto per chi ne fruisce, in un momento difficile come quello che è stato l’isolamento reso obbligatorio dalla pandemia.

“Fino a poco tempo fa – racconta Magdalena Anna Spruch – dipingevo per regalare le mie opere agli amici per compleanni o ricorrenze ma poi, con il passare del tempo, hanno cominciato a chiedermele perché gli piacevano e da quel momento ho pensato che questa mia passione poteva diventare qualche cosa di più”.

Ed infatti Magdalena ha già alcuni appuntamenti in programma. Dopo la presentazione del catalogo Mondadori, infatti, sarà inaugurata la videoesposizione e la mostra delle opere che resterà aperta dal 17 giugno al 2 luglio presso la storica Milano Art Gallery, situata in via Galeazzo Alessi 11. Altri suoi quadri, inoltre, saranno esposti dal 25 giugno all’11 luglio in una collettiva, dal titolo “La Rinascita”, presso la galleria Eclettica, in occasione del Festival dei 2 Mondi di Spoleto. Dal 29 giugno al 3 luglio parteciperà ad una  videoesposizione e la mostra presso Palazzo Velli a Roma. Il 22 luglio parteciperà alla cerimonia di premiazione ed apertura del Premio internazionale Michelangelo in sala Fellini, in piazza di Spagna a Roma. Dal 10 al 20 ottobre alla Biennale di Spoleto che si svolgerà nel Palazzo Mauri in collaborazione con il maestro Giuliano Ottaviani. Prossimamente parteciperà ad una mostra collettiva che si terrà a Tarquinia. Sempre quest’anno è uscita una pubblicazione che la riguarda nel periodico d’arte “Art Now”.

CHI E’ MAGDALENA ANNA SRPUNCH – Nativa della Polonia ma italiana di adozione come si definisce lei, Magdalena Spruch si appassiona all’arte fin dalla più tenera età.  La sua è un’ anima intessuta di colore, di gioia di vivere, che riversa sulla tela dando luogo a paesaggi variopinti e ad universi floreali stilizzati di grande spessore artistico e ornamentale. Appassionata dell’arte astratta, non rifiuta ogni tanto di tuffarsi nel mondo naif per lasciar divagare la mente, alla costante ricerca di stimoli ed esperienze nuove. Artista versatile e amante della sperimentazione, ama cimentarsi in varie tecniche, ricorrendo spesso all’uso nei suoi progetti dei materiali di provenienza organica e di riciclo, producendo mirabili connubi tra l’eterea impalpabilità del colore e la concretezza della materia.

IL COMMENTO DELLA CRITICA IRENE PAZZAGLIA SU “RAINBOW LEAVES” – “La fusione cromatica impalpabile tra i  toni più luminosi e quelli più scuri dà mirabilmente vita ad una serie di sfumature che riprendono tutti i colori dell’arcobaleno, in una raffigurazione stilizzata di un elemento naturale, la cui percezione è filtrata attraverso l’osservazione personale dell’artista, che reinterpreta forme e cromatismo attraverso le suggestioni del proprio mondo emotivo. È proprio lo stacco cromatico e spaziale delle ombreggiature, così come anche l’affiorare della materia sulla tela, a determinare il connubio e insieme il contrasto tra i vari aspetti della realtà empirica. Le foglie ci appaiono come intessute dell’anima dell’artista, le cui sfumature emozionali e il cui spirito vitale si riversano vivacemente e direttamente sulla tela senza intermediari. La tecnica peculiare di Magdalena Spruch  le permette di raggiungere un elevato e straordinario equilibrio tra spirito e materia, tra rappresentazione realistica del soggetto e trasposizione concettuale della propria percezione emotiva, caratterizzata da un mondo in cui la gioia della luce e del colore prevale nettamente sull’oscurità dell’ombra”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*