Tante le iniziative e le piantumazioni in città per la Festa degli Alberi

Nuove piantumazioni al Parco Chico Mendez, al Bosco Didattico e al Parco Pascoletti

Tante le iniziative e le piantumazioni in città per la Festa degli Alberi 

Tante le iniziative e le piantumazioni in città per la Festa degli Alberi 

Un albero per dare il benvenuto ai nuovi nati del Comune di Perugia. È questa l’idea che sta dietro alla Festa degli Alberi, un’iniziativa promossa dal Comune di Perugia in collaborazione con Afas. Si è svolta questa mattina presso il Parco Chico Mendez di Perugia la cerimonia che è seguita alla piantumazione di 2 tigli e 8 aceri dono di Umbraflor, mentre Afor si occuperà della messa a dimora: un gesto simbolico e propedeutico a quella che sarà la festa degli alberi del prossimo anno, durante la quale si è intenzionati a piantare un albero per ogni bambino nato nell’anno.


di Simona Cortona


Alla cerimonia di questa mattina oltre a rappresentanti del Comune di Perugia, hanno partecipato per la prima volta tutti gli organismi regionali e comunali grazie al lavoro di Afas che ha fatto da trait d’union. Durante la cerimonia è stata posizionata nel parco la targa di ottone preparata da Afas con scritto: “Festa degli alberi, 21 novembre 2021, Comune di Perugia, Afas farmacie comunali Perugia, Umbraflor, Afor“.

Tale iniziativa coinvolge Afas in quanto strettamente collegata al pacco “Perugia Cresce”: un progetto che vede collaborare Afas con il Comune di Perugia per dare un benvenuto simbolico e formale ai nuovi nati del territorio comunale. Ad ogni famiglia protagonista di una nuova nascita, infatti, viene fatta recapitare una lettera scritta e firmata dal sindaco di Perugia Andrea Romizi con la quale ci si può recare in una farmacia Afas per ritirare un pacco contenente strumenti per i genitori che aiuteranno e accompagneranno i neonati nel loro percorso di crescita. Tra questi, lo scorso anno era stata inserita anche una matita piantabile, che ha simbolicamente sostituito il gesto della piantumazione degli alberi.

Serve più cura del verde, salviamo gli alberi, sit-in a Madonna Alta

Un progetto che rientra nella vocazione di farmacia sociale e che va ad affiancare le molte altre campagne benefiche e i progetti con finalità sociali dei quali Afas si fa promotrice e portavoce.

Mentre nella giornata di ieri sono stati, a cura di PEFC Italia (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes) sono stati messi a dimora presso il Bosco didattico tre Abies nebrodensis alla presenza del Presidente del Parco delle Madonie, Angelo Merlino, dell’Assessore Otello Numerini e del Consigliere Paolo Befani. Questo abete, endemico della Sicilia, considerato estinto dal 1900, è stato riscoperto nel 1957 nel Parco delle Madonie, dove ne sono rimasti 30 esemplari. È inserita nella lista delle 50 specie botaniche più minacciate dell’area mediterranea.

Nel pomeriggio sono stati messa a dimora, nel Parco Pascoletti,  un Ginkgo biloba, nato dal seme di un albero sopravvissuto all’esplosione di Hiroshima, conosciuto come Hibakujumoku, alla presenza dell’Assessore Otello Numerini, del Consigliere Paolo Befani e del Presidente Antonello Palmerini della Pro Ponte, che curerà la gestione della pianta nel tempo. La pianta madre è ancora vivente a 1.330 metri dall’epicentro dell’esplosione della bomba atomica a Hiroshima.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*