Sviluppo rurale, dal Psr 2014-2020 opportunità per geometri e aziende

Enzo Tonzani
Enzo Tonzani

Il seminario formativo si terrà venerdì 22 aprile, alle 8.30, all’hotel Giò di Perugia – Dettagli illustrati dai Collegi dei geometri di Perugia e Terni e da Regione Umbria

(umbriajournal by Avi News) – PERUGIA Delle politiche del Programma di sviluppo rurale 2014-2020 e delle norme su cui è basato, delle misure previste in termini di investimenti, e dei bandi dedicati ai giovani agricoltori, ai progetti di filiera, all’agro-ambiente e all’agricoltura biologica, si parlerà nel seminario formativo organizzato dalle Commissioni agricoltura e ambiente dei Collegi dei geometri e geometri laureati della provincia di Perugia e di Terni in collaborazione con la Regione Umbria, venerdì 22 aprile, all’hotel Giò di Perugia, a partire dalle 8.30.

Nell’incontro saranno illustrate, inoltre, le opportunità di lavoro per il geometra in campo agricolo e l’apporto che questo professionista può dare all’azienda in vista delle ingenti somme stanziate dal programma europeo. Prenderanno parte, tra gli altri, Enzo Tonzani e Alberto Diomedi, il primo presidente del Collegio della provincia di Perugia e il secondo di quella di Terni, Fernanda Cecchini, assessore a politiche agricole e agroalimentari della Regione Umbria, Gianfranco Chiacchieroni, membro della seconda commissione consiliare permanente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, accanto ai dirigenti di diversi servizi della Regione Umbria e alcuni geometri rappresentanti della categoria.

“Il Collegio – ha dichiarato Tonzani – si sta adoperando per individuare strategie appropriate per una formazione continua degli iscritti, dai seminari per lo studio delle norme a quelli sugli elenchi prezzi, sul Psr o sul recupero di immobili. A tutti i partecipanti, poi, vengono sempre riconosciuti crediti formativi obbligatori, in questo caso due”. “Il mondo rurale – ha aggiunto Tonzani – può dare nuove opportunità di lavoro alla categoria dei geometri che da sempre si sono interessati di agricoltura e di imprese agricole”.

Rossana Furfaro

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*