Rubano rame dal viadotto della strada statale 77, tre arresti a Foligno [FOTO E VIDEO]

La polizia di Foligno ha arrestato tre persone per furto di rame

Rubano rame dal viadotto della strada statale 77, tre arresti a Foligno

Rubano rame dal viadotto della strada statale 77, tre arresti a Foligno

FOLIGNO – Tre romeni di 25, 30 e 32 anni sono stati arrestati dalla polizia per aver rubato del rame dal viadotto San Lorenzo 1 nella strada statale 77, meglio conosciuta come Foligno-Civitanova Marche. Il tutto risale a qualche sera fa quando gli agenti del commissariato di Foligno, con il supporto dei poliziotti di Assisi, sono riusciti a bloccare i tre stranieri, sequestrando tutto il rame che avevano rubato.

Venti pannelli di rame per un totale due quintali (200 chili) erano stati staccati dal viadotto della strada statale 77, nuovo tracciato, dal chilometro 2+00 al chilometro 2+300. I soggetti sono stati fermati dalla polizia all’altezza di Ospedalicchio, sulla 75 Centrale Umbra. I tre avevano caricato il rame su un furgone, abbassando i sedili. All’interno del mezzo c’erano anche gli arnesi usati per il furto. Una volta fermati sono stati identificati al commissariato. Già gravati da parecchi precedenti di polizia, sempre per reati contro il patrimonio, furto, ricettazione e stupefacenti, sono stati, come già detto, arrestati. Sono residenti a Perugia e nullafacenti. Dalla perquisizione nelle loro abitazioni non è stato trovato nulla.

Sono in corso indagini per individuare altri responsabili ed eventuali acquirenti. Il rame veniva venduto a 3,5 euro al chilo. Nel complesso sono stati rubati 50 quintali di rame, due di questi recuperati. La mancanza di questi pannelli – è  stato detto in conferenza stampa dal Vicequestore aggiunto Bruno Antonini – non incidono sulla sicurezza stradale, ma servivano solo per evitare l’impatto ambientale. La segnalazione del furto era arrivata da un raccoglitore di asparagi.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*