Fiaccolata per l’accensione della Stella di Miranda, 8 dicembre

Fiaccolata per l'accensione della Stella di Miranda, 8 dicembre

Fiaccolata per l’accensione della Stella di Miranda, 8 dicembre

Anche quest’anno sulle montagne di Miranda che dominano la città di Terni e tutta la piana della Conca ternana verrà accesa la maestosa STELLA COMETA più grande del mondo: 105 metri di diametro, 350 metri di coda, per una superficie complessiva occupata di 30.000 metri quadri. La Stella di Miranda per tutto il periodo delle festività natalizie illuminerà la conca ternana.

All’accensione è collegato il premio  “Stella d’Oro” che viene assegnato dalla Pro-loco di Miranda a grandi personaggi ed organizzazioni che si sono distinti nel mondo della cultura, della solidarietà e della società civile. Quest’anno il riconoscimento va alle associazioni RetakeMi Rifiuto e Contagio, con i volontari che si occupano della cura della città. La cerimonia avrà inizio alle ore 16.30 nella sala consiliare di Palazzo Spada e sarà anche l’occasione per la consegna di una targa all’Associazione Myricae e di pergamene ai soci fondatori della Pro Loco di Miranda.

La grande Stella verrà accesa all’arrivo della fiaccolata organizzata dall’Amatori Podistica Terni, che porterà, da Miranda al centro di Terni, un nutrito drappello dei podisti dei gruppi sportivi ternani. Nel tragitto di circa 10 km i partecipanti saranno assistiti dalla CRI e da una staffetta dei Vigili Urbani. La partenza da Miranda avverra’ alle ore 17,15 di domenica 8 dicembre e raggiungerà Largo “Frankl” alle ore 18,30 in punto, in concomitanza con l’accensione della cometa da parte del Sindaco di Terni Leonardo Latini. Sara’ l’occasione anche per un brindisi augurale delle festivita’ natalizie 2019.

“Ringraziamo per questa iniziativa che conclude l’anno – spiega il Presidente Luca Moriconi –  la collaborazione dell’Amministrazione Comunale di Terni della la F.I.A.S.P. (Federazione Italiana Amatori Sport Per tutti) comitato di Terni e al presentatore della serata Raffaele ‘Rifolo’ Riccardi”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*