Perugia vince a Matelica e si siede al secondo posto

 
Chiama o scrivi in redazione


Perugia vince a Matelica e si siede al secondo posto

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Funziona l’attacco delle “3M” (Melchiorri, Murano, Minesso) ed il Perugia conquista i punti agognati per la classifica ed anche per dedicare la vittoria (la nona del torneo) al tifoso recentemente scomparso, Eugenio Rossi. Bottino pesante che consente alla squadra di Caserta di mantenersi nelle zone alte, quelle che contano, della classifica (ora si trova, provvisoriamente al secondo posto). L’undici di casa – nel quale militano tre ex: Bordo, Barbarossa (entrati) e Calcagni – affronta gli ospiti a viso aperto, mantiene un buon ritmo (ha birra con … Peroni e Moretti), ma non trova mai lo spunto brillante, decisivo, a parte la splendida punizione di Volpicelli.

© Protetto da Copyright DMCA

Caserta torna al 4-3-3. E vara un Perugia dal volto inedito: con Elia e Crialesi esterni di difesa; Angella e Sgarbi centrali; Moscati, Burrai e Vanbaleghem sulla linea di centrocampo; Minesso, Murano e Melchiorri in avanti.
Al contrario, rispetto all’ultima vittoria, a Fano, Colavitto cambia soltanto due attaccanti: Valpolicelli e Franchi per Leonetti e Perotti.

Attacca con insistenza la squadra di casa e conquista tre angoli consecutivi su altrettante conclusioni. A passare in vantaggio, tuttavia, tocca agli umbri, oggi in maglia blu sporco. Iniziativa di Elia dalla destra e cross invitante un cross per Murano il cui sinistro, dall’area piccola, gela Cardinali. Undici minuti e arriva il pareggio. I padroni di casa conquistano una punizione (fallo commesso da Angella) centrali sui 25 metri.

Si incarica dell’esecuzione Volpicelli, il cui potente ed elegante sinistro si infila sul set alla sinistra di Fulignati: pallone imprendibile. Ancora 11′ (quasi una regola…) ed il Perugia torna in vantaggio. Azione anche stavolta orchestrata da destra, con traversone di Melchiorri, appena deviato verso l’alto dal piede di un difensore, che Minesso, di testa, insacca, nonostante Cardinali arrivi a toccare il pallone (ma senza poterlo trattenere). Su un lancio di esterno di Moscati, Murano spedisce ancora il pallone in rete, ma l’arbitro lo coglie in fuorigioco.

Ci prova, in avvio di secondo tempo, il Matelica, ma il colpo di testa di Moretti sfiora soltanto il legno. Nuova fiammata di Elia che serve sul secondo palo, segna Melchiorri ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Ora le squadre si allungano ed il Perugia sfrutta gli spazi con suggerimenti di Moscati (due volte) e di Elia, che non trovano lo sviluppo desiderato.

Al 21′ Caserta opera tre sostituzioni: Vano che esordisce, Sounas e Kouan rispettivamente per Melchiorri, Burrai e Moscati. Entrano anche Maurizi, Alberti (ultimo arrivato in casa marchigiana) Leonetti e Barbarossa e, per gli umbri, Favalli (al posto di Crialese). Torna al tiro la squadra ospite con Kouan, da buona posizione, ma la palla si stampa sui cartelloni. Al 41′ st calcio di rigore. Michele Vano sul dischetto gonfia violentemente la rete e trova, appena dopo aver cambiato maglia, la sua prima rete del stagione.

Matelica-Perugia 1-3

MATELICA (4-3-3):
Cardinali; Fracassini, Cason (32′ st Barbarossa), De Santis, Magri (26′ st Maurizi); Bordo, Pizzutelli, Balestrero (26′ st Alberti); Volpicelli (32′ st Leonetti), Moretti, Franchi 8′ st Peroni). A disp.: Baraboglia, Calcagni, Di Renzo, Martorel, Masini, Puddu, Ruini, Santamarianova. All.: Colavitto.

PERUGIA (4-3-3):
Fulignati; Elia, Angella, Sgarbi, Crialese (27′ stt Favalli); Moscati (21′ st Kouan), Burrai (21′ st Sounas), Vambaleghem; Minesso (40′ st Falzerano), Murano, Melchiorri (21′ st Vano). A disp.: Baiocco, Bocci, Rosi, Monaco, Konate, Lunghi, Negro. All.: Caserta.

ARBITRO: Carrione.
Guardalinee: Dell’Orco e Votta.
Quarto uomo: Scatena.
Marcatore: 11′ pt Murano (P), 22′ pt Volpicelli (M), 33′ pt Murano (P), 41′ st Vano (rig).
AMMONITI: Crialese (P), Elia (P), De Santis (M), Vano (P), Alberti (M).
NOTE: Campo pesante, pioggia insistente. Ang.: 8-3 per il Matelica. Rec.: 0′ pt, 4′ st

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*