Sir Sicoma Colussi, Perugia vince 3-2, abbattuta la corazzata russa

Match di rara intensità e dalle mille emozioni in un gremito PalaEvangelisti con i Block Devils che, dopo una partenza shock nel primo set, trovano le giuste misure all’altissimo muro russo

Sir Sicoma Colussi, Perugia vince 3-2, abbattuta la corazzata russa
«Sir Sicoma Colussi PERUGIA - Belogorie BELGOROD» 3º turno Pool E - CEV Champions League 2017 PalaEvangelisti Perugia 18/gen/2017 - Foto: Michele Benda

Sir Sicoma Colussi, Perugia vince 3-2, abbattuta la corazzata russa PERUGIA – Che sia Superlega o Champions League, sono giorni di festa al PalaEvangelisti! Merito della Sir Sicoma Colussi Perugia che, al termine di un match di rara intensità e dalle mille emozioni, sconfigge al tie break il Belgorod nella terza giornata della Pool E e si conferma quindi al comando del proprio girone!

Impazziscono di gioia i Sirmaniaci e tutto il pubblico perugino che non si è voluto perdere lo spettacolo della grande pallavolo internazionale riempiendo le gradinate del palasport. Ed ha fatto bene perché lo spettacolo non è davvero mancato con la Sir Sicoma Colussi che, dopo un avvio shock nel primo set (perso 11-25), ha trovato le giuste contromisure all’altissimo muro russo con Atanasijevic e Berger (25 e 15 punti entrambi con il 58% in attacco) costanti spine nel fianco della difesa avversaria.

Perugia ha tenuto duro contro l’irruenza devastante di Muserskiy (16 punti e tanti primi tempi ad altezze siderali e davvero imprendibili) e dell’opposto Danilov (subentrato a match iniziato ad uno spento Zhigalov), ha portato a casa in volata il terzo parziale (31-29 con tre punti consecutivi determinanti di Atanasijevic) ed ha gioito nel tie break dove, con il cuore prima ancora che con la tecnica, i Block Devils l’hanno spuntata 15-13 con l’errore conclusivo al servizio di Smolyar.
Esulta anche Lorenzo Bernardi che bissa il successo di domenica con Trento e che ha visto in campo una squadra magari non perfetta, ma certamente combattiva e determinata.
Adesso si accantona la Champions (con la macchina organizzatova della Final Fuor di Roma in procinto di partire) e si torna con la testa alla Superlega. Domenica altro big match per i bianconeri in quel di Modena per un nuovo scontro d’alta quota all’orizzonte.

IL MATCH

Buti al centro e Berger in posto quattro. Queste le scelte di Lorenzo Bernardi al via. Muserskiy- Tetyukhin, il Belgorod mostra subito i suoi campioni (0-2). Ace di Smolyar ed attacco out di Zaytsev, i russi scappano subito (0-4). Timeout Perugia. altri due per il Belgorod che presenta un muro invalicabile (0-6). In campo Bari per Tosi in ricezione. Non cambia la musica con Muserskiy che blocca sotto rete tutte le iniziative offensive bianconere (0-8). Arriva finalmente il primo punto dei Block Devils con Atanasijevic (1-10). Altro muro tetto del Belgorod (4-15). Sul 6-15 Russell in campo per Zaytsev, ma non cambia la musica con l’opposto Zhigalov a bersaglio (6-18). Fuori anche l’attacco di Russell (7-21), torna in campo Zaytsev. Chiude Smolyar un set dominato dal Belgorod (11-25).

Si scuotono i Block Devils in avvio di secondo set con due di Berger (attacco e muro) per l’iniziale 3-1. Scalda il braccio anche Atanasijevic a segno tre volte in fila con il muro di Zaytsev che porta al primo timeout tecnico con Perugia avanti 8-4. I bianconeri adesso sono dentro al match e fanno la voce grossa a muro con De Cecco e poi Podrascanin che mandano la Sir Sicoma Colussi sul 12-6. Atanasijevic sfonda il muro russo (15-8). Il muro tetto dello Zar sul neo entrato Danilov fa esplodere il PalaEvangelisti (18-10). Ancora Atanasijevic (imprendibile in questo set) due volte (20-11). Le due squadre forzano molto dai nove metri sbagliando però anche molto fino all’ace di Zaytsev (111 km/h) che firma il 23-13. L’errore di Zhigalov porta Perugia al set point e la pipe out del neo entrato Iereshchenko pareggia i conti dei set (25-14).

L’incipit del terzo set è, a differenza dei primi due, equilibrato con il maniout di Khtey che dà il vantaggio agli ospiti (3-4) ed il muro di Zaytsev che pareggia (4-4). Magia di Tetyukhin in pipe e poi muro di Khtey per il break del Belgorod (5-8). Perugia rientra a contatto (9-10), ma poi il turno al servizio di Zhigalov porta i russi a +4 (9-13). Russi che poi però sbaglaino due attacchi in fila ed i Block Devils ritornano a -1 (13-14) con il successivo ace di Berger (con la fattiva collaborazione del nastro, ma a 112 km/h) che impatta (14-14). Il muro a tre del Belgorod però fa la voce grossa ed al secondo timeout tecnico gli ospiti sono di nuovo avanti (14-16). Atanasijevic non ci sta a realizza il contrattacco del 17-17 e poi quello del 18-17. Tutti in piedi al muro di Podrascanin su Smolyar! (21-18). Ci pensa Atanasijevic (22-19). Il Belgorod torna in parità dopo l’attacco in rete proprio dell’opposto serbo e l’ennesimo missile di Muserskiy (22-22). Il sorpasso russo arriva con il muro (22-23). Birarelli (entrato a metà set per Buti) pareggia (23-23). Ancora Muserskiy, set point Belgorod (23-24). Berger vince l’ingaggio sotto rete e porta il set ai vantaggi (24-24). Mette anche l’ace lo schiacciatore austriaco e stavolta il set point è di Perugia (25-24). Muserskiy non ci sta (25-25). In rete però il servizio del gigante russo (26-25). Danilov dalla seconda linea (26-26). Muro tetto di Khtey su Atanasijevic, di nuovo set point Belgorod (26-27). Si riscatta subito “Magnum” che “stende” il libero russo (27-27). Ancora Danilov (27-28). In rete Khtey dai nove metri (28-28). Sempre Danilov (28-29). Atanasijevic non ci sta e ne mette tre in fila che ribaltano tutto e fanno impazzire il PalaEvangelisti! (31-29).

Si riparte con il Belgorod che cambia la regia con Bagrey e con la “spazzolata” di Berger che vale il 3-2 Perugia. Il muro di Khtey porta vanti i russi (5-6). Fuori per questione di centimetri la parallela di Tetyukhin. Al primo timeout tecnico è avanti la Sir Sicoma Colussi (8-7). Ribaltano tutto il muro di Smolyar ed il contrattacco di Danilov (9-11). Prova di fuga per i russi con l’ace ancora di Smolyar (10-13). Contrattacco di Khtey (11-15). Bernardi ferma tutto con un timeout discrezionale, ma il Belgorod continua a spingere al servizio ed in attacco (14-20). Il tecnico bianconero prova a mischiare le carte e getta nella mischia Chernokozhev, Russell e Mitic per Atanasijevic, Zaytsev e De Cecco. Perugia riassesta il cambio palla, ma gli ospiti non mollano la presa con il solito Danilov (17-23). Il muro di Khtey rimanda il verdetto al tie break (18-25).

Equilibrio. Podrascanin firma il 3-3, Berger il 6-6, Atanasijevic (dopo video check) l’8-8. Russell (entrato dopo pochi scambi per Zaytsev) inchioda la pipe del 9-8 e la diagonale dell’11-10. Di là Danilov è un furia (12-12). Russell ancora a segno, stavolta da posto due (13-12). Giallo e poi rosso per ritardo di gioco al tecnico ospite Kosarev, Perugia ha due match point (14-12). A segno Khtey sulle mani alte del muro (14-13). Fuori il servizio di Smolyar. Vince Perugia! (15-13).

I COMMENTI

Ivan Zaytsev (Sir Sicoma Colussi Perugia): “È bellissimo vincere in una situazione tosta che ci ha messo in difficoltà. Abbiamo strappato questa vittoria dopo una partenza, anzi una non-partenza. I ragazzi sono stati grandi e abbiamo iniziato a giocare dopo il primo set, abbiamo lottato come abbiamo potuto, abbiamo ottenuto una vittoria molto importante e ne sono molto contento”.

IL TABELLINO

SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA – BELOGORIE BELGOROD 3-2
Parziali: 11-25, 25-14, 31-29, 18-25, 15-13
SIR SICOMA COLUSSI PERUGIA: De Cecco, Atanasijevic 25, Buti 1, Podrascanin 7, Berger 15, Zaytsev 6, Tosi (libero), Bari (libero), Russell 3, Birarelli 2, Mitic, Chernokozhev. N.e.: Della Lunga, Franceschini. All. Bernardi, vice all Fontana.
BELOGORIE BELGOROD: Poroshin 1, Zhigalov 9, Muserskiy 16, Smolyar 11, Khtey 10, Tetyukhin 8, Martynyuk (libero), Danilov 15, Bagrey 2, Iereshchenko 1, Fomenko. N.e.: Podlesnyhin. All. Kosarev, vice all. Bogomolov.
Arbitri: Stefan Bernstrom (SWE) – Ksenija Jurkovic (CRO)
LE CIFRE – PERUGIA: 22 b.s., 3 ace, 61% ric. pos., 35% ric. prf., 46% att., 8 muri. BELGOROD: 29 b.s., 5 ace, 49% ric. pos., 24% ric. prf., 48% att., 13 muri.

Altra, ennesima grande serata di pallavolo vissuta ieri al PalaEvangelisti!

I quattromila saliti fino a Pian di Massiano ricorderanno a lungo i brividi al termine di oltre due ore di grande spettacolo e di grandissimo volley internazionale con la Sir Sicoma Colussi Perugia capace di piegare al tie break il colosso russo del Belgorod!

Match per certi versi epico con i Block Devils “nella buca” per buona parte del primo set, ma capaci di uscirne con carattere e bella pallavolo, con i russi maestosi che mostrano i muscoli nel quarto parziale e con la squadra del presidente Sirci che getta il cuore oltre l’ostacolo nel tie break facendo impazzire i Sirmaniaci e tutto i popolo delle schiacciate perugino!

Una vittoria oltretutto molto importante in chiave classifica con la Pool E che vede ora i bianconeri soli al comando con 3 vittorie e 8 punti con Belgorod a quota 6 (con due vittorie) ed i Roeselare (corsaro ieri ad Ankara) che si stanzia a quota 4 (con una vittoria).

Una vittoria da rivivere nelle parole e nelle emozioni dei protagonisti:

“Tutti hanno visto quanto è difficile giocare contro il Belgorod” – dice Aleksandar Atanasijevic match winner ieri sera con 25 punti – ma abbiamo giocato molto bene e siamo contenti per questa vittoria. Il muro dei nostri avversari era impressionante, sono tutti alti e saltano parecchio, ma alla fine siamo riusciti a trovare le giuste misure in attacco e faccio i complimenti a Luciano (De Cecco, ndr) che ci ha messo nelle migliori condizioni. Abbiamo dimostrato grande carattere e vinto una partita che ci dà fiducia per andare domenica a Modena. La Champions per noi molto importante. La società organizzerà la Final Four, per noi questa manifestazione significa tanto e anche ieri sera lo abbiamo dimostrato. Grazie ai nostri tifosi che hanno riempito il palazzetto un’altra volta”.

“È una vittoria che ci dà grande fiducia e che ci serve soprattutto nel morale e nella testa”, conferma il centrale bianconero Marko Podrascanin. “Dopo un brutto inizio, abbiamo dimostrato che possiamo risalire e vincere contro un avversario come il Belgorod che è una della squadre più forti d’Europa e seria candidata ad arrivare fino a Roma. Noi però abbiamo dimostrato che, se teniamo con continuità il nostro livello di gioco, possiamo giocarcela e vincere con tutti. Ed ora andiamo a Modena dove daremo tutto e lotteremo dalla prima palla”.

Chiude il cerchio la disanima del tecnico della Sir Sicoma Colussi Lorenzo Bernardi:

“Partiamo dalla considerazione che nella Champions le vittorie contano più dei punti quindi avere tre vittorie su tre gare è certamente un ottimo risultato. Giocare contro avversarie del livello del Belgorod non è facile. Certo, non ci aspettavamo una partenza del genere nel primo set (sotto 0-10, ndr). Poi ci siamo ripresi, ma rientrare da un gap così ampio contro una squadra che ha in attacco una efficienza altissima è quasi impossibile. Poi dal secondo set abbiamo giocato fin dal primo punto, magari commettendo qualche errore di troppo e prendendo qualche murata di troppo, però con carattere e molto bravi a spuntarla al quinto set, risultato molto importante per il morale e per consolidare la nostra consapevolezza. Sono stati determinanti anche gli ingressi a gara iniziata dei vari Bari, Russell e Birarelli. Il nostro è un roster ampio, chi è entrato ha dato un impulso importante ed io so che posso pescare in qualsiasi momento dalla panchina senza che il nostro livello cambi”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*