Perugia vince a Ferrara, conquista la terza vittoria esterna

Perugia vince a Ferrara, conquista la terza vittoria esterna

Perugia vince a Ferrara, conquista la terza vittoria esterna

Pronto riscatto del Perugia a Pescara (1-2). Sette squadre tra gli umbri e la zona play out

PERUGIA – Il Perugia conquista la terza vittoria esterna, confermando la propria vena corsara. Una vittoria limpida nel corso della quale ha costruito numerose azioni da gol sebbene abbia segnato su calcio d’angolo e su rigore. Riscatto pieno, dunque, dopo la scofitta interna, che tanto aveva fatto discettare (taluni con argomentazioni fuori luogo) ossevatori e tifosi. Con i tre punti strappati a Ferrara la squadra di Alvini si mantiene nella griglia dei play off e quel che più conta con sette squadre dietro le spalle prima dei play out.


di Elio Clero Bertoldi


Il catalano Clotet immette, rispetto alla vittoria esterna di Ascoli, Peda e Coccolo (un ex che non ha mai giocato in biancorosso) in difesa per gli infortunati Dickman e Capradossi, Crociata (Viviani é squalificato e l’ex Melchiorri, scelta tecnica, dal primo minuto in attacco. Alvini, di contro, richiama Rosi e Curado in difesa, restituisce la bacchetta della regia a Burrai in mediana, (ottima partita la sua) offre spazio a Santoro sulla trequarti (Kouan a riposo) ed a Murano in attacco (per De Luca).

La Spal, subito pericolosa, colpisce la base del secondo palo con un traversone dalla sinistra di Crociata. Dopo una dozzina di minuti due buone occasioni per Melchiorri, prima di piede sinistro (troppo largo) e poi di testa (alto). Risponde il Perugia con una azione che porta Murano da solo davanti a Seculin, ma il piatto destro rasoterra, viene respinto dal portiere in uscita. La palla finisce in corner (18′) e dall’angolo, Burrai pennella in mezzo per la testa di Curado che salta più alto di Tripaldelli: gol (dopo 261′ di astinenza). Nitida una occasione in contropiede per i biancorossi (4 contro 3), che però non trovano lo spazio per la battuta vincente. Ed ancora Burrai, sempre su corner, serve per l’incornata di Murano, che centra la parte alta della traversa. Al 27′ il pareggio. Dal centro Mora imbecca in piena area Mancosu, dimenticato da tutti (da Angella in particolare), che batte Chichizola (addio record esterno – fermo a 5 giornate – di difesa inviolata della porta) di testa.

Al 39′ l’arbitro concede un rigore alla Spal per un fallo di Rosi (che non c’era) su Melchiorri (lui sì, da dietro, autore della scorrettezza). Sul dischetto Mancosu si fa incantare da Chichizola, che para addirittura la conclusione. Al 42′ Segre si divora un pallone ghiotto messo in mezzo da Falzerano. Tre occasioni consecutive per gli umbri: Falzerano, Segre, Santoro. Al riposo si va sul pari, con un Perugia che mantiere il possesso palla con un vantaggio di un paio di minuti (10’30” contro 8’22”).

In avvio di ripresa segna di nuovo con Peda ma Colombo era partito in fuorigioco (conferma del Var). L’undici di Alvini si rende pericoloso in avanti, ma la replica dei locali é decisa: diagonale di Colombo sul fondo. Incisivo un rasoterra di Falzerano sul quale Seculin anticipa di un attimo il tocco di Matos. Due volte De Luca che trova prima l’opposizione di un difensore e sfiora poi il secondo palo su un passaggio smarcante di Kouan. Quest’ultimo incorna alto su un passaggio smarcante di Ferrarini: occasione clamorosa. Piscopo al 40′ atterra Rosi in area lanciato da Ferrarini. De Luca sul dischetto spiazza Seculin a sinistra. Appena entrato da fuori area conclude Vanbaleghem sul fondo a fil di palo. Come sul fondo si schianta un ennesimo tiro di De Luca. Ma il risultato pieno non viene messo in discussione.

Spal-Perugia 1-2
SPAL (4-3-1-2): Seculin; Peda (30′ st Celia), Vicari, Coccolo, Tripaldelli; Crociata’(22′ De Riva), Esposito, Mora; Mancosu; Colombo, Melchiorri (22′ st Piscopo). A disp.: Abou, D’Orazio, Ellertsson, Heidenreich, Nador, Ngagne, Pomini, Spaltro, Zuculini. All.: Clotet.
PERUGIA (3-4-1-2): Chichizola; Rosi, Angella (42′ st Sgarbi), Curado; Falzerano, Burrai, Segre, Lisi 24′ st Ferrarini); Santoro (19′ st Kouan); Matos (41′ st Vanbaleghem), Murano (19′ st De Luca). A disp.: Fulignati, Righetti, Gyabuaa, Murgia, Ghion, Bianchimano, Zanandrea, Sgarbi. All.: Alvini.
ARBITRO: Zufferli
Guardalinee: Pagliardini-D’Ascanio.
Quarto uomo: Caldera.
Var: Dionisi. Avar: Prenna.
MARCATORE: 18′ pt Curado (P), 27′ pt Mancosu (S), 41′ st De Luca (rig)
ESPULSO:
AMMONITI: Falzerano (P), Rosi (P), Curado (P), Mancosu (S), Colombo (S), Coccolo (S)
NOTE: Pioggia e freddo. Mancosu sbaglia un rigore, parato da Chichizola. in tribuna Pepito Rossi, ultimo acquisto spallino. Ang.: 8-4 per il Perugia. Rec.: 1′ pt, 5′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*