Gino Sirci, della Sir Safety Conad Perugia, rieletto nel consiglio di amministrazione di Lega Pallavolo Serie A

 
Chiama o scrivi in redazione


Gino Sirci rieletto nel consiglio di amministrazione Lega Pallavolo Serie A

Gino Sirci, della Sir Safety Conad Perugia, rieletto nel consiglio di amministrazione di Lega Pallavolo Serie A

Si è riunita stamattina, in presenza presso la sala congressuale del Savoy Hotel Regency di Bologna, l’assemblea elettiva per la nomina del presidente e del consiglio di amministrazione della Lega Pallavolo Serie A.

L’assemblea ha nuovamente eletto Massimo Righi come presidente di Lega. L’amministratore delegato della Lega era stato eletto a capo del Consorzio dei Club per la prima volta il 15 maggio del 2020, annunciando un mandato di servizio di un solo anno. A seguito delle sue annunciate dimissioni del 13 maggio scorso altre candidature erano state valutate, ma i Club hanno deciso in maniera unitaria attraverso le singole Consulte di ricandidare il presidente uscente, applaudendo l’operato di Massimo Righi nell’anno più difficile della storia di Lega e rieleggendolo questa mattina all’unanimità.

L’Assemblea ha anche votato per l’elezione del nuovo Consiglio di Amministrazione all’interno del quale è stato eletto nuovamente il presidente della Sir Safety Conad Perugia Gino Sirci. Insieme al numero uno bianconero figurano, in quota Superlega, Filippo Maria Callipo (Vibo Valentia), Lucio Fusaro (Milano), Albino Massaccesi (Civitanova), Catia Pedrini (Modena) e Stefano Santuz (Padova), mentre in quota Serie A2 ci sono Angelo Agnelli (Bergamo) e Massimo D’Onofrio (Ortona) ed in quota Serie A3 Sergio di Meo (Aversa).

Il Consiglio, riunitosi in sessione separata una volta eletto, ha anche confermato Massimo Righi in carica come amministratore delegato e ha fissato l’elezione dei vicepresidenti alla prossima convocazione. Presentato anche il bilancio preconsuntivo e approvato il budget per la stagione entrante.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*