Un anno senza te, Michele Fioroni, ricordo struggente del padre Giuseppe ❤

Non passa giorno che qualcuno mi ricordi qualcosa di te

 
Chiama o scrivi in redazione


Un anno senza te, Michele Fioroni, ricordo struggente del padre Giuseppe ❤

Un anno senza te, Michele Fioroni, ricordo struggente del padre Giuseppe ❤di MIchele Fioroni
Un anno senza te. Non è stato facile, tutte le mie sicurezze di uomo sono state messe in discussione, le mie difese abbattute. Mi manca la prima telefonata del mattino, la tua risata a singhiozzo, le tue parole rincuoranti e i tuoi consigli,  come il suono dei tuoi mille strumenti e le tue carezze. Mi hai insegnato a guardare il mondo con occhi diversi. A scovare il bello in ogni cosa, a soffermarmi sui  dettagli, ad indagare le sfumature dei colori come quelle dell’anima, a non fermarmi alla prima apparenza.
Eri un poeta che non aveva bisogno di parole, la tua vita è stata poesia che non sempre ho saputo cogliere, ma questo è il limite di noi figli, ma oggi la tua poesia vive in me e riecheggia nel mio cuore con tutta la forza dei tuoi colori.
Mi piacer ricordare il nostro rapporto non solo come quello di un padre con il figlio, ma anche come la storia di una grande amicizia. Non passa giorno che qualcuno mi ricordi qualcosa di te, un tuo gesto di generosità o una tua goliardata, o una parola di conforto; hai lasciato un segno profondo in questa città e nel cuore di tanti e non passa giorno che io mi senta, orgogliosamente quello che sono sempre stato e sempre sarò: “il figlio di Peppe”.
PS abbracciami Mamma e Silvia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*